Resta in contatto

News

Parma, su Gagliolo (e non solo) torna forte il Benevento

Il difensore si sta affermando in questo inizio di stagione. Bucchi ci pensa, in estate ha rischiato davvero di finire in Campania a giocarsi le chances di una possibile promozione con i giallorossi. Piace Dezi, fuori lista

E’ difficile oggi immaginare un Parma senza Riccardo Gagliolo. Non solo per i tifosi, ma anche e soprattutto per Roberto D’Aversa che però deve respingere i tentativi del Benevento di ritornare prepotentemente su ‘Ghiaccio bollente’.

NOMI PESANTI – E’ ancora presto per parlare di mercato, ma il Parma si sta muovendo soprattutto in uscita. Ci sono da piazzare i giocatori fuori lista, come Yves Baraye ed Emanuele Calaiò. Il primo, unico giocatore rimasto dalla cavalcata partita in Serie D, ha un ingaggio alto per le pretendenti. Poco più di 500 mila euro, troppi per una squadra di Serie B o di Lega Pro che vogliaaccaparrarsi un giocatore dotato di sprint, potenza e tecnica ma che non si è mostrato continuo negli anni. A Parma non rientra nei piani di D’Aversa che lo ha lasciato fuori dalla lista e il suo agente Gabriele Savino, sta cercando di piazzarlo in Francia, dove in in seconda divisione ha parecchie proposte.

CALAIO’ – Il giocatore accetterebbe di vivere in un Paese che ama e di cui conosce la lingua, lasciando a malincuore la piazza che lo ha reso celebre e che lui ha contribuito a portare in alto. Assieme a un altro asso: Emanuele Calaiò è in attesa. La sua situazione è un po’ diversa rispetto a quella di Baraye: sta scontando la squalifica (fino al 31 dicembre) per essere stato coinvolto nel processo che gli imputa la slealtà sportiva per via dei messaggi che ha inviato a De Col prima della gara trionfale di Spezia. Un processo dal quale il Parma è uscito pulito e dove è stata riconosciuta la buona fede del calciatore finito al centro di un procedimento più mediatico che altro. Calaiò si allena a parte, ma le proposte non gli mancano. Salernitana, Cremonese e Perugia lo stanno cercando, ma il suo sogno sarebbe quello di finire la carriera con il Parma e poter lavorare – un giorno – nella dirigenza crociata. Difficile che almeno il primo desiderio si realizzi: Calaiò è fuori dai programmi di D’Aversa che ha dato a Faggiano il mandato di cercare un vice Inglese.

ALTERNATIVA – E Ceravolo? Non convince. Potrebbe andare via se arrivasse un’offerta allettante. Il Brescia continua il pressing sull’attaccante che ha rifiutato in estate il trasferimento alla corte di Cellino. Voleva giocarsi le sue carte in A come alternativa ma potrebbe a gennaio fare le valige e salutare. Così come Dezi: il giocatore è fuori lista perché sta recuperando da un infortunio. A gennaio potrebbe però partire almeno in prestito, dato che non ci sarà una squadra disposta a spendere almeno 2,5 milioni di euro per acquistare il suo cartellino. Tanto è costato al Parma dal Napoli.

ESTERNI – Piace al Benevento, che però continua a sondare il terreno anche per Riccardo Gagliolo. Il giocatore è stato vicino al trasferimento in estate, ma poi non se ne fece più nulla. Difficile ma non impossibile spostarlo a gennaio, con D’Aversa che lo ritiene una pedina fondamentale. In uscita anche Di Gaudio, giocatore che non ha trovato la collocazione giusta in Serie A e che ora si è visto scavalcare da Biabiany e Siligardi, oltre che Ciciretti, nella scelta degli esterni.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News