Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Juric out per squalifica: più Ansaldi di Bernabé

foto parmacalcio1913.com

Decisivo il provino delle prossime ore per lo spagnolo, ma è complicato

La squalifica di Stanko Juric e il ritardo di condizione di Adrian Bernabé, ancora alle prese con il problema muscolare che lo ha frenato, preoccupano parecchio Fabio Pecchia. In vista della partita contro la Reggina, sabato pomeriggio al Tardini, il buco lasciato in mezzo dal croato potrebbe essere difficile da riparare. Con Sohm che non offre garanzie dal punto di vista tecnico, la toppa per ridimensionare la voragine potrebbe essere rappresentata da Ansaldi, giocatore duttile che in carriera ha ricoperto diversi ruoli. A Pisa è entrato proprio per Juric, nel secondo tempo. Stanko già ammonito, sostituito per il suo gioco aggressivo macchiato già dal giallo, è stato rimpiazzato proprio dall’argentino e non da Sohm schierato inizialmente a sinistra e rimasto poi negli spogliatoi senza nemmeno passare dal centro del campo. Dovrebbe essere l’ex Torino la spalla di Estevez, altro intoccabile per Pecchia. L’argentino a Pisa ha giocato 61 palloni: una gara complicata la sua, più di battaglia e di equilibrio che di fosforo là in mezzo. Nella mezzora giocata al fianco del compagno di mate, Estevez è stato meno libero di pensare all’impostazione, anche perché la fase di partita non lo richiedeva, e si è messo a randellare coprendo le spalle proprio ad Ansaldi più libero di scorribandare come ai vecchi tempi e trovare anche quattro tiri verso Nicolas. Uno nello specchio e parato dal portiere del Pisa. 

La cerniera con Estevez e Ansaldi garantisce dinamismo e tecnica, ma non il filtro adatto – facendo riferimento ai dati – che serve per contrastare la superiorità numerica della squadra di Pippo Inzaghi in mezzo al campo. I recuperi di Ansaldi, in mezzora, sono stati solo due. Un buon numero se non fosse che alla voce palle perse, l’argentino ha fatto registrare un ‘sette’ che preoccupa perché si gioca contro una squadra che pressa e va di rimessa come la Reggina. E senza i muscoli di Juric, con quelli fragili di Ansaldi (costretto già a tirare i remi in barca nella partita contro la Ternan), la gara diventa delicata per la mediana decimata del Parma che viene a trovarsi senza alternative. Pecchia spera fino a sabato di poter rimettere in piedi Adrian Bernabé, atteso da un provino nelle prossime ore per capire come risponde dopo l’infortunio che sembra più lungo del previsto. Le sue condizioni sono monitorate giorno per giorno dallo staff tecnico e medico, per capire come lo spagnolo risponde agli stimoli di un’ipotetica chiamata, viste le condizioni disperate in cui versa la mediana crociata. Che adesso si scopre, come l’intera rosa, corta e con pochissime soluzioni da offrire al suo allenatore, già senza Buffon, Romagnoli e Mihaila, ko per infortunio e con diversi acciacchi da valutare. La buona notizia è che Tutino almeno è pronto, ha recuperato: toccherà a lui con Inglese e Vazquez (a caccia del primo gol stagionale) prendere il Parma e trascinarlo verso i piani alti della classifica.

15 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

15 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti