Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Pecchia: “Grande partita, credo nei ragazzi”

L’allenatore del Parma a fine partita: “Partita bella, mai serena, uno spettacolo bello. Mi dispiace per la doppia espulsione”

Fabio Pecchia si gode la vittoria meritata solo per un attimo. In fase di analisi torna subito in se dopo essersi lasciato trasportare da una grande partita. “Questione di equilibri – spiega l’allenatore a fine gara – sui quali stiamo cercando di lavorare per creare la mentalità vincente e portare a casa risultati. Ci sta richiedendo più sforzi ed energie. È una prestazione valorizzata anche dal risultato finale, è evidente. Guardo indietro e la squadra è riuscita a fare sempre prestazioni ma magari non ha portato a casa il risultato. Partita bella, mai serena, uno spettacolo bello. Abbiamo offerto una bella prestazione, anche al Frosinone che ha reagito alla grande e ci ha rimontato due volte, però poi noi abbiamo avuto anche quella situazione per portare a casa il risultato”.

Quando si vince sembra che cambi tutto. Oggi una partita bella, volevamo venire qui e giocare il nostro calcio e lo abbiamo fatto fin dalle prime battute per andare in controllo della partita. Ci sono stati momenti in cui abbiamo sofferto il Frosinone perché è una squadra in salute che sta facendo grandi cose. Mi dispiace per la doppia espulsione che ha rotto un po’ gli equilibri e poteva succedere di tutto”.

“Noi l’abbiamo approcciata con una gestione palla che ha costretto il Frosinone ad abbassarsi. Siamo stati bravi perché in quelle situazioni abbiamo trovato subito il gol. Non so se ci siano stati demeriti loro ma è stata giocata da entrambi con personalità. L’ha spuntata una squadra. Non si parla di meriti o demeriti”.

“Per me non è una questione di svoltare con una partita ma di avere l’equilibrio di squadra e mentalità che ci permetta poi di fare prestazioni tra due/tre giorni contro il Pisa, mettendo già da parte questa, senza pensare”.

“Domenica abbiamo perso con l’Ascoli e io ho detto che ero orgoglioso dei miei perché abbiamo fatto trenta minuti con intensità e ritmo. Non ho avuto mai dubbi sui miei ragazzi, ho grandissima fiducia in tutti, nessuno escluso. Parlare oggi è riduttivo e mancherei di rispetto ai ragazzi. Ho fiducia nei ragazzi e nel lavoro che fanno”.

 

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News