Resta in contatto

News

Un campionato da salvare, lo stadio, la squadra da rianimare: le sfide di Krause

Continua il casting per le due figure che presto entreranno a rafforzare l’organigramma societario

Con lo spettro della Serie B a distanza ravvicinata, il presidente del Parma Kyle Krause si starà ancora chiedendo come è stato possibile che la sua squadra, per due volte in vantaggio di due reti, sia stata capace di farsi rimontare da Udinese e Spezia, due dirette concorrenti al traguardo della salvezza. Forse la sfida con l’Inter arriva nel momento giusto, per cercare di buttare in campo tutto quello che è rimasto e andare a giocare con la mente sgombra contro una big. A Collecchio, prosegue lo studio di due figure da inserire nell’organigramma, e di concerto va avanti anche il piano di restauro del tempio del Tardini.  La priorità è quella di assestare la società, si cerca sempre un uomo forte che sappia prendere decisioni quando serve, una sorta di Ad che faccia da collante tra squadra e proprietà, che riporti fedelmente il suo pensiero nelle stanze dei bottoni quando KK tornerà in America. Oltre all’uomo dei conti, il pressing è forte anche su un supervisore dell’area tecnica. Il profilo sarebbe già stato individuato, ma per ora vige la segretezza. Le candidature sono più d’una. Una mossa che probabilmente avrebbe aiutato di più se fatta prima, ma è inutile guardarsi indietro.

Più lo si fa, più aumenta l’insoddisfazione per come si è deciso di agire. Purtroppo i risultati sono distanti anni luce dalle aspettative, la massima spesa non ha portato resa. Solo delusione. Adesso sembra persino inutile sedersi periodicamente attorno a un tavolo per fare il punto della situazione, sfuggita di mano. La speranza non ha ancora segnato le sorti di una squadra che si impegna ma non abbastanza – evidentemente – per portare a casa la pelle e che ha sciupato troppe occasioni per risalire. Ma non tutto è perduto. Difficile sì, ma non impossibile. Per quanto ottimistica sia la previsione di Krause, un uomo dall’entusiasmo travolgente, il capo d’azienda avrà messo in conto anche la peggiore delle ipotesi. 

Sarebbero diversi i grattacapi da risolvere, in caso di retrocessione: dalla svendita forzata (causa pandemia e mancanza di liquidità dei possibili acquirenti) dei big, alla perdita di appeal per lo svantaggio competitivo – essendo in una serie minore – con conseguente incapacità di resistere alle offerte ipotetiche di altre squadre per i presunti talenti, pagati fior di milioni nelle passate stagioni. Il piano Krause, puntare sui giovani mettendoli in vetrina per poi rivenderli, andrebbe a monte da subito. Un’ipotetica retrocessione, presupporrebbe di dover tenere i calciatori più appetiti dai club in passato, a fronte di un esborso economico drammatico per le casse di una squadra che militerebbe in cadetteria. In Serie B l’introito economico è parecchio diversi rispetto a quello milionario della A, che sta definendo la questione relativa ai diritti tv. D’altronde, lo aveva fatto capire a più riprese Marcello Carli, che sembra sempre più lontano dal mondo Parma che Krause ha in testa, indipendentemente dalla Serie.

L’unico progetto che non subirà cambiamenti sarà quello di riqualificazione del Tardini, asset importante per la politica dei Krause, che stanno conoscendo il pane duro del pallone, che piace a tutti ma forse non è per tutti. E chissà cosa avrà pensato quando l’acquisto più costoso, Dennis Man, sotto ai suoi occhi increduli al Picco, ha giocato una delle ultime palle in maniera poco convinta, inventandosi un preziosismo quando proprio non serviva, nell’area avversaria. Sono cose che spiegano l’andamento di una stagione. L’entusiasmo va benissimo, ma non sempre avere entusiasmo significa avere competenze per riuscire in un mondo nuovo, diverso. Abituato a divorare risultati, senza essere riconoscente per le buone intenzioni. 

18 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
18 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Richiamare SUBITO Alessandro Melli !!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Anch’io lo ripeto, gente seria, poi il resto arriva da solo

maro
maro
1 mese fa

CARI TIFOSI- é da agosto che non ne sbaglio una ho beccato pure l’ipotesi Zenga ( assolutamente vera), ora spingo verso una soluzione low cost per la B ( facciamola finita , mi dispace per gli amati radiocronisti di RADIOBRUNO che odio sentir soffrire e che nutrono fantasiose speranze),ma dobbiamo prepararci ad una B da combattere e si deve fare con gente affamata, IO PROPONGO IL DUO MARCHETTI/ VENTURATO DEL CITTADELLA, SOLUZIONE LOW COST DAL FUTURO ASSICURATO, IO CI SCOMETTEREI LA CASA, FATELO NE SONO CERTO, abbiamo bisogno di gente affamata……..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Vogliamo Gianfranco Zola come vice d’aversa alenare i giocatori a tirare in porta e torneremo in Europa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Gente seria.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Assolutamente parole sante

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Cose che andavano fatte a inizio anno

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Iniziamo a tremare…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Con il disimpegno di Suning nell’inter
Spero che il dirigente sportivo “che si deve liberare” possa essere Marotta

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Lo monaco e il primo nome

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Che siano gente seria e soprattutto competente

Angelo
Angelo
1 mese fa

Un articolo sconclusionato. La serie B non può mettere in discussione il progetto di medio/lungo termine del Divino!
Risaliremo subito in A assieme alla Reggiana 😉

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Il nostro Presidente, l’unica nota lieta di una stagione disastrosa

Dalla 🅰️alla 🅱️ SENZA DIGNITÀ e senza🍒
Dalla 🅰️alla 🅱️ SENZA DIGNITÀ e senza🍒
1 mese fa

Sepe è una M.E.R.D.A.
Carli è una. M.E.R.D.A
D’Aversa è una M.E.R.D.A.
Preparatore atletico è una M.E.R.D.A.
Visto che nessuno tira l’acqua
tiratela voi M.E.R.D.E.

VIC
VIC
1 mese fa

Purtroppo si andrà in B ragazzi ma in un anno si ritornerà e più forti di prima! La squadra ha bisogno di un periodo in cui coltivare la chimica di squadra che possa permettere di avere intesa in campo! Ad ora la squadra gioca male sia difesa-centrocampo-attacco! L’allenatore non fa il meglio visti i cambi e nemmeno il preparatore atletico, visto che dopo 60 minuti la partita è finita per molti!

Dalla 🅰️alla 🅱️ SENZA DIGNITÀ e senza🍒
Dalla 🅰️alla 🅱️ SENZA DIGNITÀ e senza🍒
1 mese fa
Reply to  VIC

Si ma a patto che KRAUSE faccia piazza pulita.
ma quando dico piazza pulita la intendo con il
LANCIAFIAMME
Basta KRAUSE con quel perbenismo.
In Italia se ti fidi dellle persone sbagliare te la mettono in quel posto dove non batte il sole e quest’anno anche se non te ne sei mai accorto molti te l’ hanno messa in quel posto.
Sii cattivo mister Krause altrimenti soccombi.

Dalla 🅰️alla 🅱️ SENZA DIGNITÀ e senza🍒
Dalla 🅰️alla 🅱️ SENZA DIGNITÀ e senza🍒
1 mese fa

C’era oggi un tifoso che era a COLLECCHIO e ha detto ai giocatori.” Ragazzi dai sono certo che vinceremo contro la capolista poi andremo a vincere a Firenze e poi in casa con la Roma e poi ci salveremo”
Dopo 10 minuti è arrivato un medico e lo hanno portato via con un T.S.O.

Gianni Tuoni
Gianni Tuoni
1 mese fa

Il ciclo del Parma era finito nello scorso campionato quando iniziò un il Covid.
Da allora quasi tutte sconfitte.
La società va rifondata.
Ci vuole un vero allenatore che abbia 🍒 e lavori sui giovani
Un preparatore atletico bravo
Un direttore sportivo che sappia fare il proprio lavoro
E via tutta. la vecchia guardia

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da News