Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA – Faggiano: “La mia felicità è quella dei tifosi. Bruno Alves? La trattativa più estenuante”

Il ds ha commentato in esclusiva ai nostri microfoni l’ottimo inizio di stagione dei crociati e il mercato estivo tutt’altro che semplice

Vi dico la verità: ho fatto una squadra per cercare di stare sereni. Se i tifosi sono sereni lo sono pure io”. A parlare in esclusiva ai microfoni di ForzaParma è Daniele Faggiano, reduce da una trasferta piacevole a Firenze, dove ha visto il suo allenatore Roberto D’Aversa ritirare il premio per il secondo posto nella corsa alla Panchina d’argento.

Nella manifestazione che ha incoronato Aurelio Andreazzoli come miglior tecnico della Serie B nella stagione 2017/2018, anche il Parma ha trovato gloria: “Il mister si meritava questa soddisfazione. Veniamo da due campionati vinti, per cui c’era da aspettarselo. Sono contento per lui”. 

Faggiano, che periodo è per lei?
È un periodo come un altro, noi siamo sempre positivi, anche quando le cose sembra che vadano nel verso sbagliato cerco sempre di essere positivo”.

Si aspettava di arrivare alla seconda sosta con questi punti?
Vi dico la verità: ho fatto la squadra per cercare di stare sereni. I soci parmigiani sanno quanti sacrifici abbiamo fatto. L’unica cosa che chiedo è l’unità nei momenti di difficoltà”.

Con 17 punti dopo dodici giornate si punta solo alla salvezza?
Sì. La salvezza è il nostro obiettivo, non dobbiamo esaltarci dopo queste vittorie, non dobbiamo deprimerci dopo le sconfitte. Quando abbiamo perso contro l’Atalanta ci hanno processato subito. Ho sentito parlare di difficoltà, di gol subiti, non mi piacciono queste cose. Bisogna sempre mantenere un certo equilibrio. Domenica contro l’Atalanta una squadra costruita per altri traguardi ha preso un gol in più rispetto a noi. Una squadra che deve vincere, mica una che si deve salvare. Non dimentichiamoci che se a Bergamo Gervinho sfrutta quell’occasione al 49′ e fa gol la partita cambia. Diventa poi difficile per l’Atalanta che avrebbe dovuto recuperare”.

Beh, però essere a +8 dalla zona salvezza…
Non lo so se me lo aspettavo. Ho fatto un mercato diciamo difficile. Tante cose che avrei voluto fare non le ho potute fare, tante altre avrei potuto farle meglio. Però sono stato sempre aiutato dalla società, soprattutto dai soci parmigiani che non mi hanno mai abbandonato. Barilla, Pizzarotti, Malmesi, Ferrari, Piva e tutti gli altri”.

Cosa cambia con Pizzarotti presidente?
Pietro è un grande tifoso, siamo felici. Ma sappiamo che dobbiamo sempre lottare”.

C’è qualche giocatore dei nuovi che l’ha sorpresa di più?
Non parlo dei singoli, è la squadra che mi ha sorpreso. Io e D’Aversa abbiamo cercato di costruire una squadra che sapesse soffrire e che potesse farci rimanere tranquilli, in cui tutti sono parte integrante del gruppo. Mi vengono in mente anche Dezi e Munari che sono fuori lista ma che si stanno comportando da professionisti esemplari dandoci una grande mano. Siamo una famiglia”. 

Scusi: Bruno Alves, arrivato nello scetticismo generale, non la sta sorprendendo?
È stata la trattativa più dura ed estenuante. Andava contro tutto e tutti il suo acquisto ma io l’ho voluto perché è un leader: carismatico, fisico, tecnico. È uno che ci dà tanto anche fuori dal campo”.

Dove pensa di intervenire a gennaio?
Il mercato non è bello per chi ci sta dentro, c’è grande attesa per vedere chi arriva e chi parte. Io non parlo di mercato. Qualche nome viene accostato a noi ma a oggi sono contentissimo di tutti i ragazzi. Valuteremo se c’è da valutare”.

A proposito di mercato: ha rinnovato il suo contratto?
Mancano solo le firme, è tutto pronto”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Esclusive