Resta in contatto

L'intervista

Cobbaut: “Sto facendo una buona stagione”

Il difensore belga a Voetbalnieuws.be: “Sono stato in grado di fare i passi in avanti necessari in Italia. Buffon è uno che è molto dentro al gioco e non solo durante la partita”

“Se mi piacerebbe tornare in Belgio? Ora che ho assaggiato l’estero, mi piacerebbe rimanerci”. Elias Cobbaut ha parlato del suo futuro e del suo presente che si chiama Parma. Lo ha fatto durante un’intervista a Voetbalnieuws.be. “Nel calcio non si sa mai e tutto può andare molto velocemente – dice Cobbaut -. Non escludo un ritorno all’Anderlecht, ma se qualcosa di meglio arrivasse dall’estero, vorrei restarci. Le persone intorno a me sanno in quale direzione vorrei andare. Non ho intenzione di fare ancora dichiarazioni a riguardo. La stagione durerà un altro mese, si spera un po’ più a lungo con i playoff, e poi si vedrà. Sicuramente prenderò la decisione giusta, ma queste sono cose che non voglio guardare fino a dopo la stagione. Sono molto molto contento della mia prima avventura all’estero, perché non sono mai riuscito davvero a finire una stagione così prima. Gioco molto e raggiungo un livello costante. Quando un club bussa ed è sempre un bel vantaggio quando si fa avanti un club con grande tradizione. Inoltre, ha influito anche il fatto che qui stanno giocando dei grandi nomi“.

PRESENTE – “Sono molto contento di come stanno andando le cose a Parma. Personalmente sto facendo una buona stagione, perché ho giocato tutte le partite che potevo e ad un livello abbastanza buono. Sono stato in grado di fare i passi in avanti necessari in Italia. Il posizionamento della squadra è leggermente inferiore alle aspettative, ma speriamo di finire al meglio la stagione”.

BUFFON – E’ uno che è molto dentro al gioco e non solo durante la partita. È molto presente anche in allenamento e ti aiuta. È più facile adattarsi quando uno come lui ti fa stare bene in gruppo e spinge sempre in campo. Ha giocato con i migliori difensori del mondo e ha vinto tutto, quindi è facile stare in campo con uno così. La nostra collaborazione sta andando molto bene. In difesa stiamo facendo una buona stagione, perché come squadra siamo bravi in ​​fase difensiva, abbiamo già ottenuto 14 o 15 reti inviolate, quindi di per sé non è male. Se mi ha preso in giro dopo gli Europei e la Nations League con l’Italia che ha battuto il Belgio? No, no, ma ora l’Italia è eliminata dai Mondiali (ride, ndr). Stavo prendendo in giro un po’ i giocatori italiani, ma non loro non potevano ridere perché gli italiani sono molto appassionati di calcio. La mattina dopo l’eliminazione contro la Macedonia del Nord, alcuni giocatori si sono arrabbiati e imprecavano tutto il tempo. Li ha colpiti duramente“.

SUPPORTO “I tifosi ci sono sempre e, nonostante la stagione sia andata diversamente dalle aspettative, si fanno vedere ancora spesso. Ho già giocato altre partite di Serie B, dove allo stadio non c’era quasi nessun tifoso. I tifosi italiani sono fanatici. Di recente abbiamo giocato contro il Lecce e si sono presentati anche con qualche migliaio di tifosi, e hanno dovuto fare un bel viaggio fino a Parma”. 

 

15 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
15 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da L'intervista