Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Favola Iacoponi: prima gioia in serie A

Il gol al Bologna fa entrare nella storia il difensore del Parma, a segno in tutte le categorie professionistiche con la maglia crociata

Melli, Pin e Lucarelli. Ora alla lista si aggiunge anche Simone Iacoponi, che con il primo gol in serie A segnato al Bologna diventa il quarto giocatore del Parma ad aver segnato in tutte le categorie professionistiche, dalla C (nessuna distinzione tra le “vecchie” C1 e C2) in su. Il primo in assoluto dai tempi della rinascita nel 2015. Indossando ovviamente la maglia crociata, ormai una seconda pelle per il difensore di Pontedera arrivato alla sua cinquantunesima presenza consecutiva nel massimo campionato e che scende in campo ininterrottamente dal 29 marzo del 2018.

BANDIERA. Iacoponi corona così il sogno di una vita, forse neanche immaginabile nel gennaio del 2017 quando il ds Faggiano lo convinse a lasciare la Virtus Entella e scendere a Parma in Lega Pro. Divenuto fin da subito un “fedelissimo” di D’Aversa, ha partecipato da protagonista a tutte le tappe principali della scalata. Firenze, La Spezia, Milano, Torino e la salvezza da neopromossi coronata da 38 partite su trentotto in A dopo l’assaggio di dieci anni prima all’Empoli.

SACRIFICIO. L’azione del Dall’Ara rispecchia in pieno le caratteristiche che lo contraddistinguono dal momento del suo arrivo. Grinta, sudore e spirito di sacrificio, queste le armi che lo hanno portato a pressare alto, rubare la palla al duo PalacioPoli e innescare il contropiede rifinito da un taglio da attaccante navigato sul suggerimento in profondità di Kucka. Il bacio sulla guancia di capitan Alves è sembrata una sorta di benedizione per un ragazzo umile, che a 32 anni e mezzo sta vivendo il momento migliore della carriera. In cui non ha mai mollato, sapendo che il lavoro e l’impegno quotidiano prima o poi lo avrebbero premiato.

COOPERATIVA. Con Iacoponi sono ora dieci i marcatori del Parma in questo campionato, dove solo l’Inter a 11 sta facendo meglio. Una cooperativa del gol che ha raggiunto la cifra tonda di 20 centri dopo le prime tredici giornate. Come non avveniva dal 2003-04 nella seconda stagione di Prandelli, che si era spinto fino a quota 21.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti