Resta in contatto

Approfondimenti

Il pagellone di fine anno: tra i portieri la sopresa Turk e la certezza Buffon

I voti della stagione deludente del Parma. Tra tante difficoltà, qualche buona notizia

Il Parma saluta una stagione senza sussulti: dietro ai grandi proclami si nasconde tanta amarezza per non essere riusciti a centrare l’obiettivo minimo dei playoff. Un dodicesimo posto che sa di fallimento, a tutti gli effetti. Ma c’è anche qualche nota positiva da cui ripartire. Buffon, che ha annunciato sui social di voler ripartire con il Parma l’anno prossimo per correre verso la promozione, Bernabé, l’eredità più pesante lasciata da Maresca e qualche giovane di belle speranze come Benek e Turk. Promossi e bocciati di un’annata da dimenticare.

Buffon 7,5 – Con il suo ritorno ha scritto una favola. Purtroppo per il lieto fine bisogna aspettare, ma Gigi le sue mani le ha messe in questa stagione disgraziata. Ha subito 27 gol, in 8 gare ha tenuto chiusa la porta. Ha cominciato con una super parata su Caputo in amichevole contro il Sassuolo, al Tardini. Ha proseguito poi per larghi tratti esaltandosi contro chiunque. A un certo punto, segnare a Buffon era diventato l’unico motivo per sfidare il Parma. Vuoi mettere fare gol al più forte di tutti i tempi? Roba da raccontare ai nipotini. Ha parato un rigore ad Antonucci del Cittadella, uno a Gliozzi del Como e uno lo aveva parato anche a Di Carmine della Cremonese. Ma questo non vale ai fini statistici, l’arbitro ha fatto ripetere e l’attaccante ha calciato fuori.  Ha salvato il risultato contro Frosinone e Benevento all’andata e tante altre volte ha limitato i danni. A 44 anni si è guadagnato il rinnovo, mostrandosi quasi sempre fresco. In mezzo a tantissime cose buone ci sono i 4 gol incassati a Lecce e l’infortunio di Perugia, ma Gigi resta sempre la pietra dalla quale ripartire per costruire il sogno promozione.

Colombi 6 – La vita del secondo portiere non è facile. Giochi poco, ti alleni tanto. Ma il ritmo partita non lo puoi avere, naturale. Va detto che è stato penalizzato anche da un lunghissimo infortunio che lo ha costretto a stare fuori praticamente per tutta la seconda parte di stagione. Ha subito 7 gol in 3 presenze, 4 dai calciatori della Ternana.

Turk 7 – A 18 anni si è ritrovato per caso vicino a un collega come Buffon, figura da venerare per tutti i portieri giovani come lui. E non solo. Martin si è dimostrato di ferro, ha rischiato di sciogliersi solo quando si è trovato davanti Gigi, non certo in campo. Personalità, coraggio, determinazione, tutto quello che serve per diventare un portiere forte. La tecnica è un po’ grezza, ma ci si può lavorare alla grande. Nove presenze, tante cose buone, le ultime a Crotone. Quando non serviva a niente, ma è sempre meglio farsi trovare pronti. Anche se ti chiamano quando la festa è già finita. Della stagione ‘extra-ordinaria’ del Parma, lui è una delle massime espressioni: un terzo portiere con 9 presenze, 9 gol subiti e 3 clean sheet è complicato da trovare. Iachini aveva chiesto un terzo portiere esperto, si è ritrovato con Turk lanciato senza paura. E Turk lo ha ripagato.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti