Resta in contatto

Le pagelle di Forzaparma

Parma-Ascoli 0-1, la pagella di ForzaParma

Tutino nullo, Delprato utlimo baulardo. Inglese entra bene, Man spento

Turk 6 – Battuto da Bidaoui, non può nulla sul gol. Prima ha visto i suoi dannarsi l’anima per calciare in porta. Bravo su Dionisi nel secondo tempo, quando gli chiude lo specchio della porta con estrema efficacia.

Delprato 6,5 – Comincia bene, come al solito. Soffre solo una volta su Bidaoui che parte dall’esterno e si accentra, ma poi gli trova le misure e lo stoppa. Decisivo quando sporca la linea di passaggio impedendo a Paganini di presentarsi davanti a Turk.

Danilo 6 – Chiusura tempestiva, legge benissimo il pallone che Falasco voleva recapitare al compagno in area di rigore. Rimedia un giallo nella notta

Cobbaut 6 – Accompagna l’azione, pià nel primo che nel secondo tempo, quando deve stare attento a un paio di contropiede dell’Ascoli. Si trova un po’ di volte dalle parti di Leali. Per il resto non fa danni.

Rispoli 5 – Ha la palla giusta per il pari sul sinistro, murato da Falasco. Accompagna e chiude, con tempismo in un primo tempo in cui i compagni creano senza tirare. Ma gli errori sotto porta pesano. Ha un pallone d’oro che Pandev gli confeziona: sbaglia a due passi dalla porta.

83’ Brunetta sv. 

Juric 6 –  Presente nel gioco, a volte un po’ lento ma c’è in fase di contenimento. Si vede poco davanti, ma protegge bene Bernabé.

Bernabé 6 – Parte forte, con intensità e personalità. Va pure a battagliare vicino alla porta di Leali, ma non trova il varco giusto neanche nel secondo tempo. Si innervosisce e rimedia un giallo evitabile, dà continuità alle sue prestazioni.

Man 5 – Sempre pronto a ricevere il pallone, Iachini lo ha trasformato (forse troppo) in un soldato, togliendogli l’imprevedibilità dell’esterno d’attacco che ha fatto innamorare Krause un anno e mezzo fa. Nel secondo tempo comincia più distratto: un paio di volte si fa anticipare, poi Iachini gli preferisce Correia.

68’ Correia 5 – Per inerzia più che per logica, ma poco importa. Serviva graffiare là davanti, non l’ha fatto mai.

Vazquez 5,5 – Sfortunato in occasione del tocco di mano, in caduta manda involontariamente il pallone verso Pandev, in occasione del gol annullato al compagno. Si innervosisce e si becca un giallo. Oggi ha creato poco, ma resta comunque la luce in fondo a un tunnel bello lungo.

Pandev 6 – Il gol che segna è bello, peccato che il Var si sia accorto del tocco di mano impercettibile di Vazquez. Il suo poco coinvolgimento nella manovra, nel primo tempo, è figlio della difficoltà della squadra. Nella ripresa regala un pallone d’oro che Rispoli, di testa, spedisce fuori da pochi passi. Meglio con Inglese che con Tutino.

Tutino 5 – Nel primo tempo tocca appena 9 palloni, segno delle difficoltà di costruire palle gol. Fuori dalla manovra, Iachini lo toglie anche dal campo.

58’ Inglese 6 – Entra e crea più di Tutino in una ventina di minuti. Prima sfiora il gol su sponda di Vazquez, poi mette in mezzo un pallone un filo lungo per Pandev. Quanto ha pesato la sua assenza.

Iachini 5,5 – La squadra ha giocato, ha calciato dieci volte ma in sole due occasioni ha centrato lo specchio. Non basta il dominio nel possesso palla, sa anche lui che per vincere le partite bisogna fare gol. Il Parma ha dei limiti, ma ci si aspettava sicuramente di più da un allenatore vincente come lui, che lascia il tavolo delle grandi troppo presto. Ha cercato peso davanti inserendo Inglese, imprevedibilità sull’esterno con Correia, ma ha trovato poco. Serviva davvero la bacchetta magica ecovata più volte in questa stagione.

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Le pagelle di Forzaparma