Resta in contatto

Il personaggio

Benek, sono numeri da Parma

L’attaccante polacco segna un gol ogni 136′, ma spesso parte dalla panchina. Decisivo nelle ultime due vittorie dei crociati

Adrian Benedyczak è tra le pochissime note liete di quest’ultima parte di anno che vede il Parma rincorrere sogni di promozione. La partenza a rilento del club di Krause ha annacquato i proclami di inizio stagione, quando si sbandierava la risalita in Serie A all’insegna del bel calcio, del dominio degli avversari e di tutti i buoni propositi utilizzati per ‘narcotizzare’ gli effetti di una retrocessione che ha fatto rumore.

Di questi propositi, per quanto nobili che fossero, è rimasto poco. Molto è stato spazzato da un tredicesimo posto in classifica e da un cambio di allenatore che – in parte – vale come riconoscimento degli errori fatti a monte. In questo ‘poco’ emerge sicuramente Adrian Benedyczak, centravanti polacco classe 2000 cresciuto con il mito di Lewandowski, negli insegnamenti del padre Ireneusz, ex portiere e soldato dell’esercito che ha infuso in Benek i valori della disciplina e del rispetto. 

Valori che lo stanno portando a emergere. Il Parma crede molto in lui, lo scouting crociato ha fatto un buonissimo lavoro nell’andare a reperire uno degli attaccanti polacchi più in voga. Al Pogon in 25 presenze aveva segnato solo tre reti, ma si era fatto vedere soprattutto per la velocità e la rapidità nei movimenti. Di gol ne aveva fatti un po’ pochi, ma i numeri a Parma sono lievitati. Benek ha una percentuale realizzata del 31%, ha segnato già 4 gol su 13 tiri. Non male per un ventunenne alle prese con la Serie B e con una maglia pesante come quella del Parma. Considerando che è partito titolare solo 5 volte, sono numeri da tenere d’occhio. Segna un gol ogni 136’, e a Iachini piace molto per il suo sacrificio e la sua voglia di combattere. 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Il personaggio