Resta in contatto

Pagelle

Parma-Napoli 2-1, la pagella di ForzaParma

Bene Brugman, Pezzella attento e puntuale, Darmian: sostanza e sacrificio

Sepe 6 – Pronti via, deve sporcarsi i guanti su sinistro morbido di Politano. Spiazzato dal rigore di Insigne, blinda la porta deviando il tiro d’esterno di Lozano.

Darmian 6,5  – Dalla sua ha gente di gamba come Mario Rui e Insigne, che tiene a bada grazie alla collaborazione di Grassi. Spinge parecchio e difende con ordine. Anche da quinto.

Dermaku 6,5 – Contro i tre piccoletti azzurri si comporta in maniera abbastanza buona, almeno nel primo tempo. Nel secondo prosegue la buona condotta guadagnandosi la credibilità e la stima dei compagni.

Bruno Alves 6 – Guida la difesa con lucidità. Ha l’autorevolezza che serve per tenere ii suoi sempre sul pezzo.

Pezzella 7 – Il più cercato dai suoi quando devono sviluppare il gioco lo fanno spesso cercando la sua corsa e la sua gamba. Attacca e difende con continuità e puntualità. Rifiata un po’ quando il Parma si mette a cinque.

Grassi 6,5 – Un suo inserimento contro il Milan ha provocato il gol, suo l’assist per Kurtic. Contro il Napoli viene toccato in area da Mario Rui, calcio di rigore. Esce dopo aver subito una botta.

62’ Barillà 6 – Si mette a fare legna e riesce pure a portare a casa qualche pallone sporco.

Brugman 7– Regia sapiente, nel primo tempo rischia poco: un paio di cambi gioco notevoli. Tanta personalità nel gestire il pallone, ci mette tutto quello che ha, decisivo nell’intercetto di cento palloni verticali.

Kurtic 6 – Il meno appariscente dei tre centrocampisti. Il Parma conta molto su di lui, che vive un’involuzione sensibile. Comunque prezioso in fase di contenimento.

75’ Iacoponi 6 – Decisivo nel contenimento, sventa una palla quasi gol e poi si mette dietro a fare legna portando a casa palloni interessanti.

Siligardi 6 – Buona la gara dell’esterno, che si fa trovare pronto in fase di assistenza. Gioca spesso con Grassi e Darmian, tanto che sulla catena di destra nasce lo sviluppo dell’azione che porta al rigore. Si vede salvare sulla linea il pallone da Di Lorenzo.

59’ Kulusevski 6,5 – Entra male, poi prende confidenza con il pallone e con il campo, le prende da Koulibaly e si guadagna un calcio di rigore con mestiere, che trasforma spiazzando Meret.

Karamoh  6 – Non è mai facile contro giocatori strutturati come Maksimovic e Koulibaly spiccare per un fisico gracilino e rapido. La vede poche volte, ma supporta come può i suoi. Si divora il gol dell’1-0 e perde qualche pallone di troppo per troppa leziosità.

62’ Inglese 6 – Tiene pochi palloni ma lotta come sa e con una grande grinta.

Caprari 6 – Primo gol in crociato, gioca una partita onesta, pimpante davanti, puntuale in fase difensiva. Freddo in occasione del rigore.

D’Aversa 6,5 – Il cerchio che disegna intorno a lui alla fine della partita è la cosa più bella: Sente la gara, la gioca, la vince e riesce a centrare l’obiettivo aritmeticamente con tre giornate d’anticipo. Un obiettivo mai in discussione: si è rivisto il vecchio Parma, quello compatto, unito, coriaceo dalla scorza tosta e dalle gambe rapide (a tratti). Gli infortuni e le defezioni dell’ultima ora hanno pesato nelle scelte iniziali, ma ha portato a casa la pagnotta. Pragmatico.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Pagelle