Resta in contatto

Calciomercato

Darmian-Kulusevski, il Parma fa muro

L’Inter è disposta a far tornare Dimarco in Emilia ma la dirigenza crociata non intende privarsi di due pedine fondamentali già a gennaio

L’Inter bussa alla porta ma il Parma non apre. Secondo il Corriere dello Sport, Matteo Darmian avrebbe superato Marcos Alonso in cima alla lista dei desideri della dirigenza nerazzurra alla ricerca di un jolly adattabile su entrambe le corsie e nel trio di difesa e che sta spingendo per favorire la fumata bianca già a gennaio.

DIMARCO IN CAMBIO. Marotta e Ausilio avrebbero messo sul piatto il ritorno in Emilia di Dimarco che, però, ha caratteristiche diverse rispetto a Darmian, ritenuto un elemento fondamentale nella corsa alla salvezza. Ecco perchè, nonostante gli ottimi rapporti tra le due società, la trattativa stenta a decollare.

KULU IN ESTATE. Altro nome forte è quello di Dejan Kulusevski ma l’operazione andrebbe in porto solo la prossima estate. L’idea è di chiuderla subito con la promessa di portare lo svedese a Milano in luglio. Anche in questo caso il Parma non dà alcun segnale di apertura per una partenza immediata però l’Inter ha comunque fretta di accelerare i tempi per bruciare la folta concorrenza. Già avviati i contatti con l’Atalanta, proprietaria del cartellino, che chiede almeno trenta milioni più bonus.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Cambio equo😂😂

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Se kulu va all inter lo rovinano

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

di marco lo usiamo x fare il pane in cucina a collecchiello..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Si vs be ma che scambio è????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Con tutto il bene che voglio a Federico, ma che se lo tenessero

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Calciomercato