Resta in contatto

News

Sepe para i complimenti: “Penso al Parma”

Il portiere, autore di due interventi super su Lasagna e De Paul: “È il mio momento migliore. sono contento per la squadra, stiamo lavorando bene”

Gigi Sepe è stato ancora una volta decisivo. Prima su Lasagna, poi su De Paul allo scadere. Ha salvato il risultato e protetto i tre punti pesanti che i crociati si portano a casa. Al termine della gara commenta così la vittoria dei suoi in zona mista:

“È stata una partita difficilissima, anche perché sapevamo di venire qui e di dover affrontare una battaglia. Abbiamo portato a casa il massimo risultato. Dobbiamo essere contenti per come abbiamo giocato e per come abbiamo vinto – dice il portiere del Parma –. Da domani pensiamo già alla Spal. Non era facile riprendere in mano la partita dopo il loro pareggio a inizio secondo tempo. In quel momento la gara poteva avere un indirizzo diverso, perché l’Udinese poteva caricarsi dall’entusiasmo per averla recuperata con il suo pubblico che la spingeva.

 Noi siamo stati bravi a restare lì, sul pezzo, con tranquillità, a combattere palla su palla e a fare gol su una ripartenza con un giocatore che per noi è determinante. La mia ottima prestazione odierna? Io guardo solo alla squadra. Sono felice di aver vinto e mi dispiace di aver subito una rete. Sono contento, però, per i tre punti che portiamo a Parma. Mi chiedete se penso alla Nazionale? Vi dico la verità, sono sincero: no, non ci penso. È un sogno per ogni giocatore, certo. Lo è anche per me, ma deve arrivare lavorando sul campo. Io penso solo a lavorare con il Parma, come singolo e come collettivo. Dobbiamo farlo per portare più punti possibili alla nostra classifica. Solo riuscendoci si parlerà del Parma e dei suoi ragazzi.

Solo riuscendoci si parlerà di Inglese, di D’Aversa, di Faggiano, del presidente e di ognuno di noi. Questo è davvero il mio momento migliore, perché sto lavorando benissimo in settimana e alla domenica ritrovo ripagato questo lavoro. Sto raccogliendo quei frutti che mi aspettavo, ma che non erano scontati. Non era scontato riuscissi a dimostrare ancora il mio valore, dopo alcune stagioni in cui non ho giocato. Il nostro obiettivo, ora, è solo raggiungere i quaranta punti che con sicurezza ci daranno la salvezza e, poi, crescere ancora.

Parma, questa città, questi tifosi, questa società e questa squadra sono il mio habitat. Lo si vede dalle mie prestazioni e da quanto sto bene. Vogliamo proseguire su questa strada. Ventotto punti sono tantissima roba. Ora abbiamo un altro scontro diretto domenica, al Tardini contro la Spal, che è veramente importante per noi, perché fare un risultato positivo tra sette giorni significherebbe mettere quasi a posto tutto il campionato. Mancano dodici punti al nostro traguardo. Lotteremo sino alla fine per farli. Una volta conquistati il prima possibile, guarderemo quante partite mancheranno al termine del campionato e dove si potrà ancora arrivare“.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News