Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA – Festa: “Inglese? Fantastico, anche quando non segnava…”

Gianluca Festa, suo allenatore al Lumezzane in esclusiva a ForzaParma.it: “Un grande, gli avevo pronosticato la Serie A”

Quando Roberto Inglese si è presentato a Parma ha precisato subito un concetto che – evidentemente – ha rimarcato ancora di più la sua personalità: “De Laurentiis dice che valgo 85 milioni? Prezzi da Play Station, da fantacalcio. Il presidente mi vuole bene, ma vi assicuro che Inglese è un giocatore normale, uno che ha fatto bene tre anni e che ha ancora tanto da dimostrare. Obiettivi personali? Non ne ho, viene prima la squadra, poi io“.

E fu così che probabilmente i tifosi del Parma si innamorarono del loro nuovo bomber, un giocatore dalla forza incredibile e dalla tecnica che all’occhio è grezza perché lavora sporco, ma che si fa notare ed è decisiva, diventato il punto di riferimento dei compagni, i quali si aggrappano forte a lui che per la prima volta sfida il Chievo da ex.

Grande propensione al lavoro sporco, al sacrificio e al gioco di squadra, tanto da mettere da parte i traguardi personali e anteporre a essi la squadra. Il bene del gruppo viene prima di tutto: lo ricordava Inglese nella conferenza stampa di presentazione in maglia Parma, lo ricorda Gianluca Festa, suo allenatore al Lumezzane, dove esplose e venne notato anche da qualche club di Serie A.

Lo proposi subito a una, due squadre del massimo campionato – rivela a ForzaParma.itma nessuno mi diede ascolto. Non vi farò mai il nome delle squadre, ma ho visto in lui, da subito, potenzialità incredibili. Gli avevo pronosticato un gran futuro, spero di non sbagliarmi. Ha un gran destro, un ottimo sinistro, gioca con il fisico, aiuta i compagni, ha buona tecnica. E’ forte, c’è poco da dire. Doveva solo migliorare dal punto di vista psicologico. Sentiva la partita, si buttava giù quando sbagliava ma io glielo dissi: ‘Dai tempo a te stesso, farai strada‘ credo di non essermi sbagliato.

Ho grande stima di lui, all’inizio non faceva mai gol (ride ndc), ma poi quando ha cominciato non si è fermato più. Fece 11 gol in quella stagione (2012/13) ma avevo fiducia in lui anche quando non segnava. Quando sono andato via mi ha mandato un sms con scritto: ‘Grazie di tutto, mister, ci vediamo in Serie A‘. Sono contento che lui ci sia adesso, se lo merita molto. E’ un ragazzo fantastico, Parma ha trovato la sua punta di diamante“. Per ora.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Esclusive