Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

“Questo è il Parma che non hai visto mai”…negli ultimi due anni

La squadra corre, pressa, sta bene sia fisicamente che mentalmente e ha acquisito la giusta mentalità per calarsi nel campionato di serie B

Alzi la mano chi si aspettava un Parma così determinato, grintoso e consapevole dei propri mezzi fin dalle prime uscite della nuova stagione? Probabilmente in molti ci speravano ma i risultati e, soprattutto, le prestazioni sul campo vanno ben al di là di ogni più rosea previsione. E’ ancora presto per cantare vittoria, e le delusioni delle ultime due stagioni dovrebbero aver insegnato qualcosa, ma è innegabile che si stia assistendo a un cambiamento repentino in termini di atteggiamento e mentalità che lascia sensazioni positive in vista dell’ormai imminente inizio del campionato di serie B.

LA MANO DI PECCHIA. Tre soli neoacquisti tra i titolari, di cui due soli di movimento (Estevez e Romagnoli) eppure il brutto anatroccolo, che lo scorso anno non seppe andare oltre un dodicesimo posto in classifica e non colse grossi benefici dall’avvicendamento in panchina tra Maresca e Iachini, si è già trasformato in cigno. Squadra compatta, che lotta, corre e pressa dimostrando determinazione e voglia di vincere (senza i due “totem” Buffon e Vazquez) in un ambiente caldo come quello di Salerno (ricordate le prove sconcertanti di Reggio Calabria e Lecce?) contro un avversario di categoria superiore, sopraffatto sul piano di ritmo, intensità e condizione fisica. Un altro aspetto molto confortante, da verificare già nelle prossime partite, è la crescita esponenziale nella ripresa quando, di fatto, il Parma ha accelerato il passo, costruito diverse occasioni e chiuso la saracinesca in difesa, dove Chichizola è intervenuto solo nel finale a sventare il colpo di testa del neoentrato Gyomber.

I CAMBI. A proposito di neo entrati, per una volta, anche questa è una piacevole novità, chi è stato mandato in campo a gara in corso ha offerto il suo contributo alla causa. Da Camara, al primo gol tra i professionisti una manciata di secondi dopo aver rimpiazzato Man, a Sohm, autore di un pregevole “coast to coast” e più presente nella manovra, fino a Benedyczak, Bonny e Zagaritis, che non hanno fatto rimpiangere i titolari. Mihaila, rispedito indietro dall’Atalanta, ha trovato una confidenza con la porta mai avuta prima d’ora (è al terzo gol consecutivo), il “tuttofare” Bernabè dà l’opportunità di rifiatare ai vari Man e Vazquez, che dovranno essere gestiti, soprattutto, in questa primissima fase. E tra i meriti di Pecchia c’è anche la riscoperta di Valenti, che accanto a Romagnoli gioca decisamente in maniera più sicura e concentrata come tutta la retroguardia, attenta a non concedere nulla alla Salernitana. Un atteggiamento diverso improntato su autorevolezza e personalità, indispensabili per primeggiare nel torneo cadetto a cui anche i crociati si candidano come potenziali protagonisti.

MERCATO. Ecco perchè Pecchia, imbattuto in precampionato, dove di fronte alle compagini di serie A ha raccolto due vittorie (Lecce, Salernitana) e un pareggio (Sampdoria), ora meriterebbe uno sforzo in più da parte della società per avere a disposizione una rosa completa e altamente competitiva. E se a sinistra la presenza di Oosterwolde, Coulibaly e Zagaritis non impone l’urgenza di ulteriori innesti, è chiaro che davanti e sugli esterni (Man, non ancora brillante dopo il lungo stop, e Mihaila, in debito d’ossigeno nel finale, non possono fare gli straordinari) bisogna reperire rinforzi dal mercato. E, alla luce delle premesse, sarebbe un peccato non provarci nemmeno.

21 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

21 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti