Resta in contatto

News

Da Borgotaro a Parma, nella valigia i sogni realizzati: Gazzola dice basta

Ha cominciato con il Parma, società alla quale si sente legatissimo. Continuerà a lavorare per quei colori, entrando nello scouting crociato

La storia di Marcello Gazzola è una di quelle da raccontare. Non tanto per le bacheche riempite o per i trofei alzati. La storia di Marcello Gazzola è una di quelle da tramandare perché si fonda su valori autentici, troppo spesso spazzati via da gioie effimere che durano pochissimo e spariscono nell’attimo di un bagliore. Ci sono certe cose invece che ti fanno sentire stella anche se non brilli, come l’attaccamento alla maglia, alla società nella quale hai mosso i primi passi, specialmente se questa società è quella della tua squadra della tua città. Gazzola è del Parma, ma davvero. E’ di Parma, tifa Parma, ha cominciato a giocare a Parma e ha finito di giocate a Parma. Un cerchio romantico, abbellito dal primo gol in Serie A con la maglia che ha sempre sognato da bambino, perché da bambino è cresciuto con in testa la formazione scandita dallo speaker dei tempi d’oro, in un Tardini gremito di gente che si spellava le mani e si stropicciava gli occhi per la classe di Cannavaro, l’eleganza di Thuram, l’esuberanza di Gigi Buffon.

Lui era lì, un po’ tifava dagli spalti, quando il padre lo portava in tribuna, un po’ guardava da vicino quei cavalli galoppare e segnare con i tacchetti lo stesso campo che anche lui – più avanti  – avrebbe segnato. E dal quale sarebbe uscito con la maglia sudata, rispettata, onorata. La maglia più bella del mondo, per Marcello, che è diventato Gazzola grazie a 356 presenze tra i professionisti, ma che in fondo è rimasto sempre Marcello. Lo stesso che ha deciso di dire basta, ad un’età non propriamente avanzata per appendere gli scarpini al chiodo. La passione che ha caratterizzato i suoi anni da calciatore rimarrà al servizio della squadra della sua città, la sua società: la stessa che l’ha visto crescere, diventare uomo e poi giocatore, e che ora lo accoglie come dirigente. Partirà dal settore giovanile, conosce bene il tessuto della provincia, i campi che ha calcato da ragazzo, entra nello scouting del Parma, collaborerà a stretto contatto con Gianni Munari.

Il bagaglio tecnico-tattico che non disferà certamente con la fine della carriera sul campo gli serve adesso, anche con giacca e cravatta, per mettere  a fuoco strategie, scovare talenti per il Parma e – perché no – per cominciare a collaborare con il settore tecnico di una Primavera che Kyale Krause ha disposto come asset principale che Kyle Krause ha disposto per la rivoluzione americana del Parma. Dal campo alla scrivania, ma sempre con il Parma nel cuore. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News