Resta in contatto

News

Collecchio diventa un bunker anti Coronavirus?

Il Parma è uno degli 11 club che potrebbe garantire un luogo sicuro ai suoi giocatori durante il maxi ritiro immaginato in Figc per concludere la stagione. Ma non tutte le società sono così attrezzate

Tra le tante idee emerse negli ultimi giorni per cercare di concludere questa stagione, ci sarebbe quella di trasformare i centri sportivi delle varie squadre in bunker anti Coronavirus per permettere alle squadre di isolarsi tra una partita e l’altra ed evitare così nuovi contagio che complicherebbero, non poco, le cose

Una domanda, a questo punto, però è lecito: quali società sarebbero pronte ad accogliere squadra e staff all’interno del proprio centro sportivo per tre mesi? Il quesito non è così scontato perché, come sottolinea il Corriere dello Sport, persino alcuni club di Serie A avrebbero delle difficoltà. La Juventus (Vinovo), la Lazio (Formello), l’Inter (Suning Center), l’Atalanta (Zingonia), la Roma (Trigoria), il Napoli (Castel Volturno), il Milan (Milanello), il Parma (Collecchio), il Bologna (Casteldebole), il Sassuolo (Mapei Football Center) e il Cagliari (Asseminello) sono attrezzate, ma gli altri nove club dovrebbero utilizzare strutture pubbliche con il rischio di esporre i calciatori al contatto con estranei come personale alberghiero, camerieri e/o turisti. Oltre alle nove società di A, si deve la quasi la totalità dei club di Serie B, di Serie C. Martedì, data della nuova riunione della commissione che sta gestendo la situazione, si parlerà anche di questo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News