Resta in contatto

News

I propositi di Pizzarotti: “Raggiungere la salvezza”

Lunga intervista della Gazzetta di Parma al neo presidente crociato che nel 2019 vuole centrare l’obiettivo e consolidarsi nella massima serie

IMMAGINE PIU’ BELLA. Pietro Pizzarotti è stato nominato presidente del Parma il 9 novembre scorso ma in pratica, già prima in qualità di socio di Nuovo Inizio, è sempre stato vicino alla squadra e non può dimenticare un 2018 da favola. A cominciare dalla serata più bella della promozione in serie A. “Non si può non iniziare da SpeziaParma. Quando il Foggia pareggiò con il Frosinone io ero nell’antistadio con il direttore Faggiano già pronti psicologicamente a giocarci i play-off. Quando sentimmo esultare la curva pensai che il Parma avesse segnato il 3-0. Invece arrivò la notizia del pari del Foggia e diventò una serata esaltante ed indimenticabile“.

ALTRI MOMENTI CHIAVE.Credo proprio contro il Foggia in casa: arrivavamo da un periodo grigio. C’era stato il loro vantaggio, poi il nostro pareggio e arrivò anche la vittoria. Da lì partì la nostra rincorsa alla serie A. Fu uno snodo fondamentale. In serie A le vittorie di Milano sull’Inter, Genova, Firenze e il gol di Gervinho contro il Cagliari. Lì forse ci siamo resi conti che eravamo tornati nel calcio di serie A“.

PROPOSITI PER IL 2019.L’unica cosa che chiedo al 2019 è quella di poterci salvare e realizzare così il nostro obiettivo. Siamo in una buona posizione ma manca ancora qualche passo. La strada è lunga ma io spero di raggiungere la salvezza il prima possibile per poterci godere le ultime giornate con un po’ di tranquillità“.

MERCATO.In questo girone d’andata il nostro top player è stato il gruppo. Per cui stravolgerlo sarebbe un errore. Credo che vada puntellato con due-tre pedine, non di più. Sarà un mercato oculato dal punto di vista finanziario e tecnico senza cambiare tanto perchè il gruppo è molto importante per noi“.

LA RINASCITA.Bisogna ringraziare Marco Ferrari che ha avuto l’idea, la forza e la passione di far rinascere il calcio a Parma. Ora per rendere più funzionale la società abbiamo approvato una nuova organizzazione divisa in quattro aree: l’Area Ricavi, l’Area Servizi&Operations, l’Area Sport e l’Area Finanza, Amministrazione e Controllo“.

IL FUTURO.Il Parma come società ha grandi margini di miglioramento perchè il calcio italiano è in crescita e possiamo ritagliarci un bello spazio all’interno del movimento. Siamo una società sana con buoni ricavi a livello commerciale e il vivaio sta andando bene. L’esempio da seguire potrebbe essere l’Atalanta“.

LE INFRASTRUTTURE.Ci piacerebbe avere lo stadio di proprietà: il Tardini con un investimento calibrato e qualche piccolo ritocco può diventare un gioiello. Collecchio? Tornare a possedere il centro sportivo è stato un altro dei passi fondamentali da fare. Ora investiremo su spogliatoi e le palestre per le giovanili“.

SOCIO DI MAGGIORANZA.Abbiamo affidato il compito all’advisor Lazard per cercare un socio di maggioranza forte che possa garantire lo sviluppo della società. Quando arriverà, arriverà. Noi non abbiamo fretta, i tifosi possono stare tranquilli. Nel momento in cui troveremo un socio che potrà dare un bel futuro al Parma, meglio di quello che possiamo fare noi, allora lasceremo il testimone. E qualcuno di noi, non so se tutti o meno, resterà come socio di minoranza. L’importante è che si sappia che noi non stiamo cercando di vendere il Parma a chi lo paga di più ma a chi garantirà un buon futuro e stabilità a questa società“.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Non ci sono parole grazie grazie e ancora grazie orgoglioso di tifare Parma ??

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News