Forza Parma
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Valenti: “Mancano otto finali, niente calcoli”

Il difensore argentino è tornato dopo un anno: "La nascita di mio figlio mi ha cambiato, oggi è andata bene"

Il difensore argentino è tornato dopo un anno: “La nascita di mio figlio mi ha cambiato, oggi è andata bene”

È tornato Lautaro Valenti. Un anno dopo, 356 giorni dal crac al ginocchio sinistro, il difensore argentino si è rivisto in campo contro il Lugano. Con la fascia da capitano al braccio. In questo lungo anno sono cambiate tante cose intorno a Valenti. L’attesa per il recupero e la paura di non essere più quello di prima dopo l’operazione, sono state mitigate dalla gioia più bella della sua vita. È nato Noah, un torito che ha riportato gioia mettendo da parte le ansie per il brutto ko arrivato mentre era nel pieno della forma. Le prime sensazioni, dopo l’amichevole contro gli svizzeri non possono che essere positive. “Dopo un mese dall’infortunio è nato mio figlio, mi ha aiutato. Sono stato in vacanza e stare con lui mi ha aiutato. Ora sono ancora più concentrato. Sono felice di essere tornato a giocare dopo un anno – dice ai giornalisti presenti -. A livello mentale non è stato semplice, devi esser forte di testa. Però è andata bene“.

Con un po’ commozione, Lautaro spiega come è stato, senza sbilanciarsi su come sarà. “Il momento dell’infortunio è stato tremendo, pensare a quanto tempo sarei dovuto rimanere fuori, poi l’operazione. Il ko è arrivato proprio nel momento in cui stavo giocando e lo stavo facendo anche bene, secondo me. Anche per questo è stato difficile riprendere. Intanto posso dirvi che la mia vita è cambiata, che ora sono molto più concentrato di prima e che la testa non è più quella che avevo prima. So che in questo momento non posso pensare di giocare, sono inevitabilmente indietro di condizione, le cose stanno andando bene e la squadra è troppo forte. Quest’anno è cambiata la mentalità all’interno del gruppo. Il mister ha dato fiducia a tutto l’ambiente e quest’anno siamo uniti per andare in Serie A, come una famiglia. Sappiamo che mancano otto finali, abbiamo detto questo dall’inizio giornate: non facciamo calcoli, ne tabelle. Ogni settimana contiamo quanto una gara in meno“. 

Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Fai la tua scelta, diventa Mister Pecchia per un giorno e dicci i tuoi undici...
Il Parma questa sera gioca d'anticipo, a Palermo: ecco il quadro dei precedenti e il...
Questa sera il Parma è atteso dalla trasferta di Palermo, la squadra di Pecchia ha...

Dal Network

Il video della conferenza stampa del tecnico rosanero, alla vigilia del match che i siciliani...
Le parole rilasciate dal tecnico dello Spezia nella conferenza stampa post gara....
Tre errori clamorosi delle Aquile: il possibile vantaggio sprecato da Kouda sullo 0-0, la mancata...
Forza Parma