Resta in contatto

Approfondimenti

Parma, dodici ore senza gol in casa

L’ultimo gol su azione è datato 4 ottobre. L’ultimo gol su azione in assoluto è di Kurtic, 13 dicembre. Era la partita di San Siro, contro il Milan

Il periodo nero del Parma continua. Evidentemente Roberto D’Aversa non ha portato con sé la bacchetta magica, deve averla dimenticata – ammesso che ce l’abbia – nella sacca con tutti gli altri trucchi di magia, perché di quelli ci sarebbe bisogno per risolvere i problemi di un Parma che oggi è in Serie B, essendo penultimo in classifica, a pari punti con il Torino ma con lo scontro diretto a sfavore. Il tempo gioca con i crociati come fa un po’ il gatto con il topo, l’inverno si prospetta lungo. E angosciante, a leggere certi numeri da pelle d’oca.

In casa, il Parma dopo nove partite giocate ha segnato solamente tre gol. Ne ha fatti di più a San Siro in due partite, quattro, due all’Inter, due alla capolista Milan, e rischia di scriversi sul libro nero dei club che hanno meno gol in casa nella storia della Serie A dopo 17 giornate. L’ultimo gol al Tardini è datato 25 ottobre, durante Parma-Spezia. Il calcio di rigore di Kucka salva Liverani da una sconfitta, la rimonta lancia i crociati verso il pari di San Siro con l’Inter. Da allora sei gare (contro Fiorentina, Benevento, Cagliari, Juventus, Torino e Lazio), 540’ senza esultare in casa.

I tempi si allungano se si considera che su azione, il Parma non segna al Tardini dal 4 ottobre, minuto 1’ di Parma-Hellas (il gol di Gagliolo contro lo Spezia nasce dal una palla inattiva). Sono 719’ i minuti senza gol del Parma a Parma,  L’ultimo gol su azione in assoluto è quello segnato da Kurtic a San Siro, dal quale sono passati 574 minuti. Il gol dell’illusione a Crotone è stato di Kucka, sempre da palla inattiva però. Numeri crudi, che marcano l’assenza di cinismo, di trame e di idee per armare gli attaccanti, ancora senza gol. Quasi nessuno in Serie A ha fatto peggio di Inglese e Cornelius. Non a caso, quello del Parma è il peggiore attacco di un campionato che per ora lo vede retrocesso. Bisogna contare su un’iversione di rotta, sperando che D’Aversa, oltre a fare l’allenatore, riesca anche a fare il mago.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
VELENOSO
VELENOSO
3 giorni fa

Liverani e il suo staff ( preparatore atletico e D.S. ) hanno fatto un miracolo all’incontrario.
Hanno fatto divenire in pochi mesi una squadra ai margini dell’Europa una squadra di centroclassifica in serie B.
Se si perde a Sassuolo probabilità di rimanere in A zero virgola zero.

VELENOSO
VELENOSO
3 giorni fa

Il problema della difesa è uno
BRUNO ALVES
Lui forte di testa ma gli avversari che lo sanno giocano palle a terra e Alves è fregato.
Scarpette al chiodo please

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 giorni fa

9 ore non 12

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 giorni fa

Pensate quante bestemmie avremmo tirato, a quanto freddo, acqua, neve, gelo avremmo beccato dal vivo per vedere quegli 11 pellegrini qui disonorare la nostra maglia..i santi sarebbe tutt’ora in coda sulla Brennero

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti