Resta in contatto

Rubriche

Accadde oggi: i poker di Gilardino e Cristiano Lucarelli

Nel tennistico 6-4 tra Parma e Livorno spiccano i quattro gol a testa dei due attaccanti come mai era accaduto nella stessa partita in serie A

Il 1° maggio del 2005 non sarà ricordato solo per la festa del lavoro ma anche per il festival del gol. E quello che accade al Tardini in ParmaLivorno (6-4) entra di diritto nella storia del calcio italiano: Gilardino e Cristiano Lucarelli segnano un poker a testa, una prima volta assoluta nella stessa partita in serie A. Che vale tantissimo in ottica salvezza con i crociati che, in un sol colpo, dalla zona retrocessione staccano il duo FiorentinaBrescia e sorpassano Siena e Chievo in classifica.

INVITO.Vi avevamo chiesto 2 palle non 11 coglioni – Oggi smentiteci!“. L’appello della curva Nord, delusa dalle ultime prestazioni, non cade nel vuoto e dopo appena due minuti Morfeo da destra serve in mezzo Gilardino che in scivolata sblocca il risultato. Ribaltato in appena 180 secondi a metà del primo tempo dalle due reti di Cristiano Lucarelli prima in diagonale su imbucata di Licka e poi di testa a beffare la disattenta difesa di casa. Pisanu in due tempi ristabilisce subito la parità poi Morfeo verticalizza per Gilardino che scarta Amelia e insacca a porta sguarnita portando avanti i suoi sul 3-2 all’intervallo.

GOL A GRAPPOLI. Già all’inizio della ripresa Pisanu appoggia a Simplicio che infila nell’angolino opposto il quarto gol ma a riaprire la contesa ci pensa ancora Lucarelli che trasforma il rigore concesso a causa di un fallo di mano di Pisanu. Ancora la “premiata ditta” MorfeoGilardino confeziona in tandem il 5-3 pochi istanti prima del quarto timbro dell’attaccante livornese che a centro area incorna sulla sponda aerea del neoentrato Protti. L’illusione dei labronici di strappare  un punto si spegne al 40′ del secondo tempo, quando ancora Gilardino completa lo show con un tocco sottomisura che fissa il definitivo 6-4 e il poker personale.

SFIDA NELLA SFIDA. A fine stagione Lucarelli si aggiudicherà la classifica dei cannonieri a quota 24 centri, precedendo Gilardino che si ferma a 23. In realtà, il più importante per il bomber di Biella sarà il ventiquattresimo realizzato nello spareggio di Bologna, che sancì la salvezza della truppa di Carmignani e la sopravvivenza del club crociato in amministrazione controllata.

PARMA-LIVORNO 6-4

Marcatori: 3′ pt, 37′ pt, 27′ st e 40′ st Gilardino (P), 22′ pt, 25′ pt, 13′ st su rig. e 29′ st C.Lucarelli (L), 27′ pt Pisanu (P), 2′ st Simplicio (P)

PARMA (3-5-1-1): Frey; Bonera, Cardone, Bovo; Pisanu (32′ st Camara), Simplicio, Bolano (34′ pt Savi), Bresciano, Contini (42′ st Vignaroli); Morfeo; Gilardino. A disp.: Bucci, Olive, Dessena, Ruopolo. All.: Carmignani

LIVORNO (3-5-2): Amelia; Grandoni, A.Lucarelli, Galante; Balleri, Grauso (33′ st Doga), Osei, Licka (11′ st Vigiani), Giallombardo; Colombo (22′ st Protti), C.Lucarelli. A disp.: Mareggini, Pfertzel, Melara, Paulinho. All.: Donadoni

Arbitro: Rodomonti di Teramo

Note: Spettatori 14200 circa. Ammoniti Cardone (P) e A.Lucarelli (L). Calci d’angolo: 5-6 per il Livorno. Rec.: 2′ pt; 4′ st

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Rubriche