Resta in contatto

News

Calcagno: “Il numero di partite diminuirà”

Il vicepresidente FIGC: “Non sarà semplice, ma la prospettiva è questa”

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Umberto Calcagno, ex presidente AIC e vicepresidente FIGC: “A me fa piacere che finalmente se ne siano accorti anche gli altri, la prima indagine fatta risale a 4 anni fa. Indagine che abbiamo rifatto pochi mesi fa: i top player giocano 70 partite all’anno, di cui 50 con meno di 4 giorni di recupero. Arrivano a fare 90 mila chilometri l’anno, fuori dubbio che non si possa continuare così. Tutti quanti siamo consci del fatto che il valore aggiunto a livello economico possono darlo solo alcuni tipi di competizioni. Il valore economico del nostro calcio è diminuito, siamo in ritardo rispetto alla Premier. Sabbiamo bene che solo certe partite danno un valore aggiunto a livello economico – che spero venga distribuito meglio – ma poi non si può andare avanti in questo modo.

Va tenuto conto dell’aspetto tecnico-sportivo, il merito dell’accesso avrà un aspetto molto importante. Abbiamo intenzione di muoverci, assolutamente. Ad inizio campionato scorso abbiamo chiesto che venissero allungate le rose di Serie A, avendo tre unità in più. Purtroppo c’è stata una risposta negativa da parte della Lega. C’è un’interlocuzione in corso. Il nuovo presidente della FIFPRO avrà presto nuovi incontri, ci saranno dei tavoli per discuterne. Ho la percezione che si capisca ciò che sta accadendo. Le partite diminuiranno, non nel brevissimo periodo, ma presto succederà. Non sarà semplice, ma la prospettiva è questa”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News