Resta in contatto

News

Gdp: “Per salvarsi ormai serve un miracolo”

Le speranze di rimanere in serie A si stanno spegnendo sempre di più e solo un filotto di vittorie può cambiare un destino già scritto

Il successo del Torino a Udine ha dato la mazzata forse definitiva alle già flebili speranze di salvezza del Parma, che ora si trova a sette lunghezze dal quartultimo posto. Tante, troppe se si considera che mancano solo otto partite alla fine e i punti disponibili sono appena 24: ecco perchè, come scrive la Gazzetta di Parma, al di là dell’impegno da onorare fino in fondo, sarebbe meglio cominciare a programmare una pronta risalita dai cadetti.

UNICA CHANCE. L’unica chance di ribaltare una stagione maledetta sarebbe quella di ottenere almeno cinque vittorie se non sei da qui a fine campionato (un’impresa titanica per chi ne ha raccolte tre in trenta giornate) e concedersi soltanto uno, al massimo due passi falsi tra Juventus, Atalanta e Lazio. Un’ipotesi ai limiti dell’inverosimile anche ripensando al molle primo tempo al cospetto del Milan, in cui non si è vista la “solita” squadra affamata che aveva contraddistinto la precedente gestione di D’Aversa in serie A.

REPULISTI. La condanna tra i cadetti può essere l’occasione per un necessario repulisti in grado di rigenerare la squadra, a patto di scegliere gli uomini giusti sia sul campo che dietro la scrivania. La solidità di Krause potrebbe convincere qualche “senatore”, ma solo chi davvero se lo meriterà”, di rimboccarsi le maniche in serie B e tentare l’immediata risalita. Prima, però, di guardare al futuro c’è quell’ultimissima chiamata a Cagliari (più una questione di fede che di matematica), dove anche vincere potrebbe non bastare.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
VELENOSO 😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈
VELENOSO 😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈😈
2 mesi fa

No, non serve neppure quello.
È 🅱️ sicura al 20.000%
salvo vincere con la Juventus Lazio Atalanta
e ovviamente a Cagliari e a Torino.
Se qualcuno crede che si può fare è
qualcuno che ha passato una triste gioventù.
Che fare ora nell’attesa della sentenza matematica?
Semplice mettere tutti i giovani come abbiamo fatto con la Lazio in Coppa Italia a Roma dove avevamo fatto una signora partita e i titolari non li abbiamo rimpianti PER NIENTE

Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da News