Resta in contatto

News

Parma, nei secondi tempi non segni mai

Nel 2021, in dieci partite, ha subito 13 gol. Zero quelli fatti, numeri da retrocessione

C’è un dato tra quelli negativi che sta indirizzando il 2021 del Parma che fa spavento. Nell’anno nuovo, in dieci partite, i gol segnati nei secondi tempi sono zero. Indicativo di una situazione che è ormai sfuggita di mano. Nell’ottava gara con Roberto D’Aversa alla guida, è arrivato il terzo punto, a fronte di un’inversione di marcia visibile, almeno a sprazzi, ma non certo decisiva per accelerare e rimanere sulla carreggiata che porta alla salvezza. Che diventa a questo punto un miraggio. Le cinque sconfitte, quattro consecutive, confezionate con l’allenatore del miracolo, si somigliano molto. Per certi versi hanno diversi punti in comune: sfiducia, condizione fisica precaria, gol concessi con facilità, difficoltà nel cercare la porta avversaria (un gol, quello di Verona). Sembrava essere cambiato il vento dopo il primo tempo con l’Udinese, ma l’illusione, domenica scorsa come ieri, è stata spazzata da un secondo tempo passato a scacciare le paure, alla ricerca della palla pesante da sparare lontano da Sepe, che para poco eppure subisce almeno due gol a partita.

Non è solo in termini di punti, è soprattutto sul peso del morale che i quattro punti gettati al vento tra Udinese e Spezia, pesano sull’animo rassegnato del Parma, incapace di dare un senso a questa stagione che sa di impresa al contrario. Dopo Spezia, sono 16 i punti persi da situazione di vantaggio, 9 di questi con D’Aversa sulla panchina. Quella con lo Spezia è stata la quarta partita su otto in cui il Parma è riuscito a passare in vantaggio. E se non lo tieni, è evidente che qualcosa non vada. E non può essere un principio di condizione fisica, visto che la squadra ha finito in crescendo. Al contrario di come poteva sembrare le prime volte, quando al suo arrivo D’Aversa ha trovato giocatori scarichi fisicamente, oltre che depressi nel morale, questa volta il tarlo è nella testa dei calciatori.

La quarta rimonta è frutto di una mancanza di fiducia nei propri mezzi, di un atteggiamento che non garantisce tenuta completa dal punto di vista mentale, di una squadra che si è persa nelle sue incertezze mosse da inquietudini di una retrocessione non preventivata, dalla poca incidenza di chi entra dalla panchina ma non nella partita. E di secondi tempi – appunto – non all’altezza. Perché non si spiega altrimenti il calo fisico, tecnico e tattico nella seconda parte di quasi tutte le gare. I numeri inchiodano D’Aversa e i suoi: la panchina non dà forza, l’atteggiamento di abbassarsi troppo – a volte per volere dell’allenatore, altre per un inconscio timore di arrivare alla meta – non ha pagato e le occasioni sprecate di sicuro stanno diventando parecchie. Sottoporta soprattutto, che poi sono quelle che si riflettono su una classifica impietosa. A fronte degli zero gol segnati nei secondi tempi, sono 13 quelli subiti, sui 22 complessivi. Più della metà.  A questo punto diventa fondamentale rispondere all’interrogativo posto da Kucka a fine gara: “Riusciamo a giocare 70 minuti, poi smettiamo e poi ricominciamo alla fine. E’ una cosa che ci chiediamo, non so perché succede”.

16 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
16 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Oh grazie per la notiziona, senza i numeri non lo avrei mai detto visto lo squadrone che abbiamo, togli 11-12 elementi appena sufficienti per la serie A gli altri sono imbarazzanti. Se poi aggiungi delle scelte discutibili su sostituzioni e gestione del secondo tempo arroccati tutti in difesa nella speranza che un ragazzino di 20 anni scarsi faccia il miracolo la vedo grigia.

Jonny
Jonny
1 mese fa

Tutte le squadre che hanno cambito guida tecnica hanno avuto un minimo di scossa, noi invece ci siamo dati la picconata definitiva. Bohhhhhh, non ho proprio capito il senso di richiamare D’Aversa

Marco
Marco
1 mese fa

Il problema è ma chi cavolo ha richiamato sto mister di poker! Le minestre riscaldate sempre detto che non vanno fatte

Dalla 🅰️alla 🅱️ SENZA DIGNITÀ e senza🍒
Dalla 🅰️alla 🅱️ SENZA DIGNITÀ e senza🍒
1 mese fa

Perché con l’Inter non mettere in porta Colombi
al posto del morto vivente SEPE non,,?
Scusate.
Siamo in B
Il prossimo anno SEPE andrà via forse riserva in Lega Pro e allora proviamolo caxxo.
Tanto peggio di SEPE, COLOMBI non potrà fare
Almeno sapremo se il prossimo anno Colombi potrà partire titolare

Benni
Benni
1 mese fa

D’accordo con te

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Giocando senza portiere mi pare il minimo

Ame
Ame
1 mese fa

Ma imponiamo il silenzio stampa alla squadra x favore…già siamo incaxxati a fine partita se poi dobbiamo anche sentire assurdità nelle dichiarazioni…silenzio stampa grazie, tanto basta il campo x capire che quest’anno è stato sbagliato tutto fin dall’inizio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

e prende sempre goal

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Visto che ormai la retrocessione è certa spero che Kraus faccia pulizia iniziando da quell’incompetente incapace rovina squadre di Carli che anche nel mercato di riparazione gli ha fatto spendere soldi inutilmente vedi l’acquisto di Pelle’ che oltre a essere balordo è stato comprato rotto

paolo ➕💙💛
paolo ➕💙💛
1 mese fa

Dal girone di ritorno dello scorso campionato abbiamo questi problemi.
Nulla è stato fatto e anche ora vediamo le punte sfiancarsi per difendere.
Ieri sul 2 a 1 Karamou e Mihaila erano in linea davanti alla difesa nel 5 – 5.
Se ne è accorto persino Minotti.

Dalla 🅰️alla 🅱️ SENZA DIGNITÀ e senza🍒
Dalla 🅰️alla 🅱️ SENZA DIGNITÀ e senza🍒
1 mese fa

D’Aversa sta dando i numeri.
Sta facendo cose turche incomprensibili fuori da ogni logica per noi comuni mortali.
E fargli un trattamento sanitario obbligatorio, il così detto TSO a spese però della società?
Magari viene fuori che lui è un genio e siamo noi che non capiamo niente anche perché lui prima di venire la seconda volta a Parma era chiamato IL GENIO.

paolo ➕💙💛
paolo ➕💙💛
1 mese fa

Da chi era chiamato ??????

gbm
gbm
1 mese fa

Non rispondere, devi solo osservare questo trash ahahaha,almeno ti spari due risate

VELENOSO
VELENOSO
1 mese fa

Il nome glielo avevo dato io e fui sorpreso quando la gazzetta di Parma parlando di D’Aversa lo chiamo’ IL GENIO.

Corra😡😡😡😡😡
Corra😡😡😡😡😡
1 mese fa

Come mai???ma chi va in campo ???noi tifosi???? Il problema che non riescono a correre una partita intera perché c’è una preparazione scandalosa da allievi per non dire pulcini.andate a lavorare per 1200al mese poi vedi se non corrono

Dalla 🅰️alla 🅱️ SENZA DIGNITÀ e senza🍒
Dalla 🅰️alla 🅱️ SENZA DIGNITÀ e senza🍒
1 mese fa

Oltre al preparatore atletico al direttore sportivo e all,’allenatore tutti e tre da fogna, manca nel Parma
uno psicologo e poi vorrei sapere cosa succede al termine dei primi tempi nello spogliatoio.
Succede senz’altro qualcosa di molto losco che a noi comuni non è dato di sapere, qualcosa CHE NON SI PUÒ DIRE perché non è possibile entrare in campo come degli zombie con pannolone in dotazione per non farsela addosso dalla paura.
Ma D’Aversa li terrorizza? PENSO DI SI

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da News