Resta in contatto

News

Gravina: “La nostra intenzione è arrivare al 30 luglio”

Il presidente della FIGC a Sky Sport: “Gli allenamenti? Ci sono degli specialisti che hanno l’esatta conoscenza dello stato delle cose. Dobbiamo affidarci a loro”.

Dall’emergenza Coronavirus all’eventuale nuovo inizio dei campionati. Il presidente della FIGC Gabriele Gravina ha parlato ai microfoni di Sky Sport: “Ci siamo già attivati affinché la Fifa possa rivedere alcune proroghe per il prolungamento dei contratti, nel caso in cui venga superata la deadline del 30 giugno. Attendiamo comunicazioni dalla Uefa e dalla Fifa, che si stanno impegnando tanto per trovare una soluzione che salvi i campionati. La nostra intenzione è arrivare al 30 luglio, con la partenza intorno al mese di maggio. Dobbiamo attenerci alle indicazioni delle Autorità Governative e Sanitarie. Il calcio sì, ma nel rispetto delle indicazioni dall’OMS“.

SITUAZIONE CAMPIONATI DALLA A ALLA D –  L’assegnazione del titolo è un tema su cui ci soffermeremo. Spetta al Consiglio Federale decidere sul tema. Vorrei che il campionato si concludesse. Questo significa che avremmo superato l’emergenza. Ma il calcio italiano non vive solo per l’assegnazione dello scudetto. Abbiamo campionati italiani dilettantistici e professionistici. Dobbiamo assegnare i posti in Champions ed Europa e definire promossi e retrocessi. Per essere pronti alla stagione 2020/2021. Questo campionato non si prolungherà nella prossima stagione. Non possiamo permetterci di compromettere il prossimo anno, anche perché a giugno 2021 avremo l’Europeo. Sono preoccupato per il calcio. In D rischiamo di perdere migliaia di società. Penso alle Lega Pro con tutto quello che ha vissuto e anche alla B che deve lottare per arrivare a un equilibrio. Anche la A è in difficoltà, non facendo riferimento a risorse stabili. Dico a tutti coloro che si dedicano a rappresentare il calcio, che questo mondo non è solo delle Federazioni. Ma è di tutto il nostro paese. Il calcio ha dimostrato una grande sensibilità, dimostrando di essere sempre vicino ai suoi tifosi. Lanciando messaggi e solidarietà. La campagna di grande solidarietà dei Campioni del Mondo del 200 e quelle di tutte le società sono un esempio. Noi come Federazione abbiamo messo a disposizione dell’emergeza il Centro Tecnico di Coverciano. Due settimane fa abbiamo messo a disposizione una palazzina per i Vigili del Fuoco. Questo è il calcio che vive e che mostra il suo vero lato”. 

EUROPEO – “Ho pensato subito ai mille volontari coinvolti, alle strutture della Federazione, al Coni, al Comune di Roma. Tutti impegnati nel realizzare un evento straordinario che avrebbe visto l’Italia in grande spolvero. Il ct Mancini è molto tranquillo. Invece di trionfare nel 2020, lo faremo nel 2021“. Sulla ripresa degli allenamenti: “Ci sono degli specialisti che hanno l’esatta conoscenza dello stato delle cose. Dobbiamo affidarci a loro”.

GIOCATORI CHE LASCIANO L’ITALIA – Lascio gestire alle singole società i calciatori. Loro sono uomini come noi, hanno le loro famiglie e gli affetti. Tutti hanno bisogno di sentirsi protetti. Ma non dobbiamo dimenticare che parliamo di professionisti. Quando ci sarà una decisione definitiva sulla ripresa la valuteremo insieme”.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News