Resta in contatto

Calciomercato

Il Torino mette nel mirino Faggiano

Il direttore sportivo del Parma è corteggiato, secondo La Stampa, dalla società di Cairo che sta per perdere Petrachi e vuole cautelarsi

Daniele Faggiano è sempre nel mirino del Torino. Secondo la versone online de La Stampa, il ds crociato è una valida opzione per sostituire eventualmente Petrachi che può andare alla Roma.  Sarebbe stato giù preallertato il responsabile del settore giovanile Massimo Bava, ma quella di Daniele Faggiano resta una valida candidatura.

15 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
15 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Si, così non acquistiamo più giocatori bottati.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Siiiiiii

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ma in 103 anni senza Faggiano come abbiamo fatto?????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

No, assolutamente

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

…se va via se ne va per un top club..non certo per il torino..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Il direttore non si tocca!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Si

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Allora stiamo freschi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Pare che guardiola lo voglia al Manchester city come suo braccio destro

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Anche io piaccio al west ham

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

e D’Aversa???

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ha rinnovato pochi mesi fa per Rimanere fino a giugno 2020

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ma Faggiano ci stá tutto nel mirino?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

naturalmente

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

si

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Calciomercato