Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Amarcord: la punizione di Asprilla che stese gli Invincibili

Il 21 marzo del 1993 il Parma di Scala espugnò San Siro grazie alla prodezza del colombiano che fermò la striscia di 58 partite d’imbattibilità del Milan

DAL PARMA AL PARMA. Il successo più prestigioso del Parma a San Siro, perlomeno in campionato, è sicuramente quello datato 21 marzo 1993 che interruppe alla lunga striscia d’imbattibilità durata 58 partite del Milan di Capello. Mai battuto in serie A fino ad allora in un filotto infinito inaugurato il 26 maggio del 1991 nell’ultima partita dell’era Sacchi in uno scialbo 0-0 casalingo proprio contro il Parma che si guadagnò da neopromosso l’accesso alla Coppa Uefa. I rossoneri, invece, vinsero il primo scudetto targato Capello senza sconfitte all’attivo e nella stagione seguente, 92-93, si presentarono alla settima giornata di ritorno ancora nei panni degli Invincibili, nettamente in testa e avviati verso il secondo titolo consecutivo.

TINO LETALE. Non avevano, però, fatto i conti con i terribili ragazzi di Nevio Scala e, soprattutto, con l’estro e la furbizia di Faustino Asprilla che al 13′ della ripresa chiese e poi, nonostante il parere contrario del tiratore designato Osio e del suo allenatore, si impose di calciare una punizione dal limite che finì all’incrocio dei pali lasciando di stucco Rossi. Immancabile capriola del colombiano e grande festa Parma che poi riuscì a resistere agli assalti, peraltro, confusi dei rossoneri.

APPLAUSI PER TUTTI. Il Milan, falcidiato dalle assenze di Albertini, Boban e Lentini, faticò parecchio fin dall’avvio contro un avversario ben messo in campo e votato al contropiede che ingabbiò il Genio Savicevic e in pratica non corse alcun rischio prima dell’intervallo. Poi nel secondo tempo la magia di Asprilla, al primo vero tiro in porta, il mancato raddoppio di Melli e gli spazi sempre più ristretti tra le maglie della granitica difesa degli emiliani che non soffre nemmeno l’ingresso di Serena nel finale. Poi al triplice fischio applausi per tutti: da un lato il doveroso omaggio alla lunga striscia d’imbattibilità del Milan terminata quel giorno e dall’altro sincera ammirazione per chi era stato capace di fermarla dopo quasi due anni.

MILAN – PARMA 0 – 1

Marcatore: 13′ st Asprilla

MILAN: Rossi, Tassotti (28′ st Serena), Maldini, De Napoli, Costacurta, Baresi, Evani, Eranio (22′ st Gambaro), Papin, Savicevic, Massaro. All.: Capello.

PARMA: Ballotta, Pin (29′ st Matrecano), Di Chiara, Minotti, Apolloni, Grun, Melli, Zoratto, Osio (44′ st Pulga), Cuoghi, Asprilla. All.: Scala.

Arbitro: Cesari di Genova

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News