Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Le pagelle di Forza Parma

Parma-Reggina 2-0, la pagella di ForzaParma

Valenti, che partita: Vazquez concreto e Oosterwolde è imprendibile

Corvi 6 – Un po’ incerto in un paio di uscite, attento su Fabbian al 7′, chiude sul primo palo neutralizzando il tentativo di Canotto. Per il resto rischia poco.

Delprato 7 – Contro Rivas, non un cliente facile, controlla bene e tampona. Puntuale e affidabile nel primo tempo, prolunga la durata per tutta la partita e nei duelli non perde mai la concentrazione.

Osorio 6,5 – Sembra un altro: non ha avversari da marcare e questo lo aiuta. Menez è uno che svaria, quando va nella sua zona lui non lo soffre e lo controlla bene cercando di fare lo stess con Gori.

Valenti 7,5- Autoritario, a parte qualche errore in marcatura, nell’uno contro uno è diventato una sicurezza. Corpo a corpo energici, concentrato e al posto giusto nel momento giusto. Il bacio alla maglia dopo il gol è piaciuto a tutto lo stadio.

Oosterwolde 7,5 – Gol a parte, e che gol, combatte e vince diversi duelli. E’ il calciatore che dalla cura Pecchia ha tratto i migliori benefici e più passa il tempo e più si impone. La corsa non gli è mai mancata, si è visto.

Estevez 6,5 – Regia lucida, corsa costante a tamponare qua e la. Tandem insolito con Vazquez che però tiene bene.

Benedyczak 5,5 – Comincia sulla stessa linea di Inglese, il tempo di qualche scatto. Poi va a sinistra. Nel primo tempo il Parma fatica a creare gioco, lui spreca qualche occasione per ripartire, non crea superiorità numerica e si vede poco anche perché poche sono le occasioni.

54′ Ansaldi 6 – Riparte poco, c’è da dare una mano a Oosterwolde e non si tira indietro. Stringe i denti e si prende gli applausi di Pecchia e dei compagni.

Hainaut 6 – Tanta voglia di incidere, prima da esterno poi da seconda punta. Va al pressing ma i rifornimenti davanti sono pochi e lui fa quel che può in una partita di sacrificio.

54′ Zagaritis 6,5 – Concentrato, attento, contribuisce a tenere alta la guardia. Serra quando c’è da serrare, raddoppia e accompagna. Mancino naturale, fa bene a destra.

Vazquez 6,5 – Nel ruolo di regista arretrato, gioca sulla stessa linea di Estevez e lavora diversi palloni provando a dettare il ritmo di una partita che non decolla. Tante le botte, poche le giocate di qualità, ma oggi grande gara di sostanza. Sontuoso il suo tocco di fino a liberare Tutino su uno schema da punizione.

88′ Sohm sv.

Coulibaly 5 – Comincia larghissimo, a sinistra: 14′ un giallo e due palloni persi. Poi cambia e va a destra, con Benek che da seconda punta va a fare l’estrerno a sinistra. Ma non lascia traccia di sè e resta nello spogliatoio dopo un primo tempo anonimo.

46′ Bonny 6 – Entra per dare peso all’attacco e allungare la squadra con la sua fisicità e la sua rapidità. Fa meglio di altre volte, finisce in riserva.

Inglese 6,5 – Fa a sportellate con Cionek che lo maltratta e il suo ex compagno Gagliolo, prende qualche fallo e si spende per gli altri come al solito. Pochi i rifornimenti, uno lo spreca ma nella sua prova c’è sostanza e tenacia. Lascia il campo dopo aver dato tutto.

70′ Tutino 6 – Svirgola la palla che Vazquez gli incarta con maestria, ma viene buona per Lautaro Valenti che la corregge in rete. Sempre pronto a dare fastidio a tutti, incita i compagni, come quando all’intervallo abbraccia a lungo Bonny prima del suo ingresso in campo.

Pecchia 7 – Gli mancava una squadra intera. Non si è scomposto per niente, ha dato fiducia ai suoi ragazzi facendogli capire che tutti sono indispensabili per fare un certo tipo di strada. Squadra compatta, tutti si battono l’uno per l’altro e tutti soffrono l’uno per l’altro. Ha ridato compattezza e fiducia a un gruppo di ragazzi, li ha resi calciatori fieri di indossare questa maglia. E’ sua questa vittoria, figlia del sacrificio e del cinismo.

32 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

32 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Le pagelle di Forza Parma