Resta in contatto

News

Il Parma ha rallentato rispetto all’andata

Nelle prime dieci giornate del girone d’andata Liverani aveva raccolto dieci punti contro i sette di D’Aversa in quello di ritorno

Il paradosso di una stagione finora maledetta. Nonostante gli evidenti progressi sul piano del gioco e dell’atteggiamento, il Parma di D’Aversa sta facendo addirittura peggio di quello di Liverani. Lo testimoniano la media punti (0,61 a gara del tecnico abruzzese contro lo 0,75 del suo predecessore) ma anche i dati delle prime dieci giornate dei due gironi: 10 i punti conquistati da Liverani, tre in più di D’Aversa di fronte agli stessi avversari. A sfavore di quest’ultimo pesano le sconfitte con Verona e Genoa, le uniche due vittorie sotto la gestione dell’ex allenatore del Lecce.

RAGIONI. Come sottolinea la Gazzetta di Parma, la colpa non si può certo attribuire solo all’allenatore che può aver perso la chiave della testa dei giocatori, lontani parenti di quelli guidati fino a pochi mesi fa, ma allo stesso tempo aveva lanciato un grido d’allarme rimasto inascoltato ai piani alti. Ma a influire maggiormente sono state le tante, troppe occasioni perse, soprattutto, nei minuti finali e, più in generale, nei secondi tempi, in cui mancano all’appello come minimo 6-7 punti.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 giorni fa

Ma il problema era Liverani 😁😁😁😁

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 giorni fa

Andema’ beh…..

Davide
Davide
8 giorni fa

L’allenatore non ha colpe. Ha sempre messo in campo la squadra migliore. Ha dato fiducia ai giocatori giusti ed ha aspettato correttamente 2 mesi per fare giocare (a volte) Man e Mihaila perché davanti avevano giocatori molto più forti e rodati. Inoltre legge benissimo le partite, azzecca i cambi e ribalta immediatamente le situazioni di svantaggio. Speriamo resti anche l’anno prossimo per una pronta risalita… Davide (RE)

Fabio
Fabio
8 giorni fa
Reply to  Davide

Inoltre, ci tengo ad aggiungere che il Parma sotto la sua guida ha sempre difeso con determinazione ed intelligenza i gol fatti. Infine, l’allenatore, è stato il primo a schierare una difesa “a 4 sulla linea di fondo con portiere che non esce” che insieme ai “falsi terzini” tante soddisfazioni ci hanno dato. Tanti analisti ed esperti di tattica sono pronti a scommettere che questo sistema di gioco innovativo sarà destinato a fare scuola ed il calcio grazie al mister non sarà più quello di prima…Fabio (Gobbo)

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da News