Resta in contatto

Rubriche

Accadde oggi: la “remuntada” sul Foggia

Il 25 marzo del 2018 il Parma, reduce dal ko di Chiavari, ribalta il risultato sui rossoneri in inferiorità numerica e resta in zona play-off

In quel lunch match di due anni fa passava, probabilmente, l’ultimo treno per la serie A. E il Parma ci salì in extremis battendo in rimonta il Foggia ridotto in 10 già dal quarto d’ora della ripresa e crollato solo alla distanza. Il 3-1 finale consentì di riscattare il ko della settimana precedente a Chiavari e rimanere agganciati al treno play-off, poi evitati grazie anche con l’aiuto determinante dei rossoneri di mister Stroppa a Frosinone nell’epica giornata conclusiva del campionato cadetto.

RISCATTO. I crociati di D’Aversa sembravano aver assorbito bene il poker di Empoli perchè dal pomeriggio nero del Castellani raccolsero due vittorie in trasferta e il pari casalingo col Venezia, diretta concorrente nei piani alti. Poi il brusco stop in casa dell’Entella aveva rimesso tutto in discussione in vista del delicatissimo confronto contro il Foggia, in piena risalita e reduce da sei successi nelle ultime otto gare.

MAZZEO IN 10. Al 14′ l’episodio che potrebbe cambiare il volto alla partita: Loiacono atterrò fallosamente Ceravolo lanciato in porta e fu espulso dall’arbitro Baroni. Nonostante l’inferiorità numerica i pugliesi passarono in vantaggio al 24′, grazie al facile tap-in a porta sguarnita di Mazzeo dopo una punizione di Agnelli deviata da Frattali sul palo. Gli ospiti andarono vicinissimi al raddoppio quasi allo scadere del primo tempo, quando Kragl centrò in pieno la traversa su calcio piazzato.

REMUNTADA. Ma nella ripresa, complice l’ingresso di Calaiò, la ruota girò completamente e la “remuntada” cominciò a prendere forma poco prima della mezz’ora: Guarna respinse a centro area un cross di Ceravolo e lo stesso Calaiò ristabilì la parità. Otto minuti più tardi il sorpasso firmato dal redivivo Siligardi, al primo gol in maglia crociata (poco più di un mese prima era stata, praticamente, ufficializzata la sua cessione al Sagan Tosu in Giappone), che si fiondò sulla ribattuta di Guarna impegnato dall’altro neoentrato Baraye.

SERIE POSITIVA. Il tris di Ceravolo allo scadere blindò i tre punti del Parma che si mantenne all’ottavo posto a quota 47. Poi la striscia esaltante di otto vittorie, un pari e due sole sconfitte che valsero la piazza d’onore dietro all’Empoli e la terza promozione consecutiva.

Marcatori: 24′ pt Mazzeo (F), 28′ st Calaiò (P), 36′ st Siligardi (P), 44′ st Ceravolo (P)

PARMA (4-3-3): Frattali; Gazzola, Di Cesare, Lucarelli (34′ st Anastasio), Gagliolo; Dezi, Vacca (19′ st Baraye), Scavone; Siligardi, Ceravolo, Di Gaudio (1′ st Calaiò). A disp.: Nardi, Dini, Mazzocchi, Frediani, Barillà, Sierralta. All.: D’Aversa.

FOGGIA (3-5-2): Guarna; Tonucci, Camporese, Loiacono; Gerbo (42′ st Floriano), Agnelli, Greco, Deli (23′ st Duhamel), Kragl; Mazzeo, Nicastro (9′ st Martinelli), Mazzeo. A disp.: Noppert, Figliomeni, Fedato, Beretta, Rubin, Agazzi, Ramé, Scaglia, Calabresi. All.: Stroppa

Arbitro: Baroni di Firenze

Note:  Spettatori 14820 circa, di cui 3800 nel settore ospite. Espulso al 14′ pt Loiacono (F) per fallo su chiara occasione da rete. Ammoniti Gazzoli, Baraye, siligardi (P) e Tonucci (F). Calci d’angolo: 7-2 per il Parma. Rec.: 1′ pt; 4′ st

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
raupropret
raupropret
7 mesi fa

Le ragazze connoscono i ragazzi , trascorrono una notte lumminosa in città (lckab zaglg ) , dopo di che tornano a casa insieme dove … Dipende da te! Iscriviti per https://www.google.com/search?q=l4ZdvVcpCIZ3YZty

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Rubriche