Resta in contatto

Approfondimenti

Promozioni, derby e salvezza: D’Aversa è nella storia

Ricorre il terzo anniversario del tecnico crociato sulla panchina del Parma: dal Bassano al Milan, passando per tante tappe di un viaggio memorabile

Aveva il volto scavato dalla tensione, un po’ di capelli bianchi in meno e qualche pensiero in testa su quello che avrebbe dovuto dire di lì a poco. Una mano in tasca, con l’altra si è ‘affilato’ il volto, ha fatto il suo ingresso in sala stampa, nella pancia del Tardini gonfia di malumore. In gran segreto, Roberto D’Aversa tre anni fa stava per essere presentato come nuovo allenatore del Parma. Era passato prima dagli spogliatoi per stringere la mano ai suoi nuovi giocatori in uno spogliatoio pieno di delusione dopo l’esonero di Gigi Apolloni e l’interregno di Stefano Morrone, promosso al timone per un paio di partite mentre la società attrezzava il casting per il ruolo di primo attore sulla panchina crociata.

Se l’è aggiudicato a gran sorpresa D’Aversa, che il Parma lo aveva visto già ad Ancona. Caduto per mano di Marco Frediani che il tecnico si sarebbe ritrovato l’anno dopo in Serie B. Sguardo vispo, aspetto curioso, giacca grigia a scacchi con bottoni larghi e maglioncino nero, look casual. Entrò così in sala stampa, in punta di piedi, con gli occhi pieni di gioia per la prima avventura da allenatore lontano dal suo Abruzzo, una confort zone in cui torna appena può. Presentato  a sorpresa, preceduto da Marco Ferrari e accompagnato da una bella scia di scetticismo, il vice presidente del Parma lo introdusse con queste parole: “Il nuovo mister è Roberto D’Aversa. E’ stato scelto dal nuovo ds, perché non solo è una persona che insieme al suo staff è molto bravo sulla parte tattica, ma anche perché nei colloqui che ha fatto con noi ha dimostrato una spiccata personalità. Non ci servono nomi, ma gente che avesse la giusta fame, le giuste motivazioni. Abbiamo deciso di non volere gente che è stata in Serie A, ma gente che auspicabilmente con noi, tra qualche anno, lo ci possa arrivare”.

In quell’occasione Ferrari era stato un buon profeta, aveva in tasca il sì di Vagnati (Faggiano arriva dopo) e spingeva intanto il popolo crociato a credere nella redenzione per un anno che risultò poi essere fantastico dopo la ricostruzione e il taglio delle teste, celebre perché inusuale cambiare tutto il cabotaggio tecnico-tattico. Con una buona dose di sfiducia e un’eco di dubbi, il nuovo allenatore si presentava alla città fissando subito i paletti per la ripartenza: “Primo obiettivo: ragionare da squadra: così si costruiscono i successi”. Evidentemente fu quella la giornata delle profezie che si avverarono. Prima l’oracolo Ferrari, poi Bob, che in poco tempo ribaltò la squadra in nome di una filosofia totalizzante fondata su un culto del lavoro tipico di una vecchia scuola che crede ancora in un valore fondamentale che ti avvia al successo: la fatica. Tre anni, 1.095 giorni dopo, D’Aversa è passato dall’essere un semi-sconosciuto con l’ambizione di provare a vincere, a diventare il primo allenatore che nella storia del calcio ha traghettato (grazie all’anno di Apolloni in Serie D) la squadra dai bassi fondi del pallone fino in Serie A, passando per due campionati vinti, uno ai play off con dentro due derby dominati (che mancavano da venticinque anni); da una Serie B giocata da protagonista e vinta sul filo nella notte di Spezia grazie a un gol a tempo scaduto di un ragazzone che si chiama Floriano cinico quanto basta per  castigare un Frosinone distratto (che torna a Parma giovedì per la Coppa Italia) con la testa troppo presto in Serie A.

Al suo primo anno nella massima categoria una prima parte di campionato strepitosa, con una salvezza costruita alla prima tornata e con prestazioni super che hanno sbancato i campi di Inter, Torino, Fiorentina, Udinese. Dopo 126 panchine, 54 vittorie, 31 pareggi e 41 sconfitte, Bob è ancora al timone di un Parma che somiglia sempre più al suo tecnico: coriaceo, caratteriale, determinato e pronto alla lotta, come lo era D’Aversa da giocatore. La valorizzazione di alcuni giocatori (vedi Scozzarella e Barillà su tutti) che sono diventati soldati sotto la sua egida (Iacoponi è il simbolo), il raggiungimento degli obiettivi e il suo pragmatismo hanno aperto gli occhi di tutti. O quasi: perché non sono stati utili a conquistare Parma. E questo sembra essere un caso unico nel calcio: perché un allenatore che ha ereditato la squadra all’ottavo posto in Lega Pro e l’ha portata fino in Serie A in due anni e mezzo, che condivide il merito di aver scampato a tempeste pericolose (vedi Empoli nell’anno della Serie B) con la società e il direttore sportivo, bravi anche loro a sceglierlo e a proseguire sotto la sua guida salda, non è ancora nel cuore dei tifosi nonostante sia nelle prime pagine della gloriosa storia del Parma?

 

32 Commenti

32
Lascia un commento

avatar
9 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Commento da Facebook Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Mister vai avanti per la tua strada e vedrai che per forza di cose non puoi sempre avere la sorte contro prima o poi il vento girerà e vedrai che se caleranno gli infortuni potrai avere almeno la possibilità di fare 3 partite con la stessa formazione allora si che ci sarà da divertirsi.
Tripalo Roberto

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

nuova societá, DS che nn ha sbagliato un colpo ed il mister che ha dato la giusta impronta, hanno fatto e contiueranno a fare un capolovaro…
🔝🔝💛💙

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

L’ho sempre criticato, ma quest’anno è partito veramente molto bene! Forza Parma 💛💙

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Grazie

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Il numero uno … vorrei che fosse il nostro Sir Alex Ferguson …

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Grande mister

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Auguri e avanti tutta!!!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Spero che rimanga ancora tanto perché diventerà un grande allenatore.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Continua così mister chissa anche quest’ anno ci salveremo

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

grande mister !!!!!! complimenti

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

In pratica è il primo allenatore ad avere un ciclo lungo come quello di Scala, con risultati altrettanto importanti. Non è poco.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Sempre appoggiato, anche nei momenti più difficili, mi piace come persona)

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Meglio che non lo scriva se no Paolo Conti non mi porta la bottiglia per natale..

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Fai un altra impresa salvaci

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Sei un grande !!!!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Quando vedo la panchina e la squadra penso a cosa eravamo qualche anno fa e lui con noi. Ora tutti insieme fino a fine campionato 💛💙 Forza Parma!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Per la nostra realtà e rosa il migliore mister che potevamo avere

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Con noi a vita 💛💙

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Sicuramente tra i migliori 5 allenatori visti a Parma

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Per il Parma va più che bene

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Resta con noi.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

É un grande allenatore. Chi lo critica di calcio ne capisce poco o non é un parmigiano

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Grandissimo..

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

JURGEN KLOPP d Abruzzo
D Aversa uno di noi!!!!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Simone… 🧐

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Sempre sostenuto un grande

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

…stai crescendo con la squadra…complimenti

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

A casa basta !!!!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Non posso dire niente. Mi hanno tolto la parola. 👏👏👏👏👏👏👏

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Alla fine contano i risultati.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Grazie mister. Comunque vada merita di essere nella storia di questo club.

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Un grande e stop!!

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Approfondimenti