Resta in contatto

News

Montella: “Partita difficile, attenti a Kulusevski”

Il tecnico della Fiorentina presenta la sfida casalinga di domani contro il Parma. “In questo momento è al nostro livello, sta facendo bene”

L’allenatore della Fiorentina, Vincenzo Montella, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della partita casalinga di domani pomeriggio alle 18 contro il Parma. “Voglio vedere la stessa convinzione del secondo tempo di mercoledì -le parole riportate da Fiorentina.itdomani sarà difficile. Il Parma sta facendo un bel campionato, ha fatto i nostri stessi gol. In questo momento il Parma è al nostro livello, sarà importante ogni forma di energia. Le partite ormai si decidono nell’ultima mezzora. Lirola sta bene, ci sarà, Caceres no”.

RIVELAZIONE.Non so se lo siamo, il Parma sta facendo bene in quella zona di classifica. Anche il Verona sta facendo benissimo. Il Cagliari forse ha ancora qualcosina in più. Oggettivamente però ha speso, perché ha avuto la forza di prendere Olsen subito dopo l’infortunio di Cragno. Domani chiedo sostegno al pubblico, non sarà una partita bellissima. Dobbiamo essere incoraggiati fino alla fine, i dettagli faranno la differenza”.

KULUSEVSKI. E’ un giocatore molto forte, ha giocato sempre in vari ruoli. Nelle ultime partite è stato spostato nel mezzo. Ha una posizione ibrida che può causare difficoltà: dovremo stare attenti”. 

LE SCELTE.Ceccherini è affidabile, ha giocato anche l’anno scorso. Ha esperienza, più di Ranieri, che però è mancino. Le scelte saranno fatte per l’immediato e per il futuro. Domani avremo 4-5 ragazzi che provengono dal settore giovanile, con solo Chiesa che ha diversa esperienza in serie A.

VLAHOVIC. “Mi sta piacendo moltissimo nell’ultimo periodo, cresce molto in allenamento e in partita. E’ un ragazzo, come ne avremo tanti in campo anche domani. L’ho fatto giocare anche l’anno scorso in partite decisive, ma non carichiamo di troppe responsabilità questi ragazzi. Già ho sentito che viene fatto passare da fenomeno e ancora non è pronto. Sta crescendo, questo sì”.

BILANCIO. Oggettivamente non pensavo, dopo aver stravolto la squadra, di essere a questo punto. Non parlo della classifica, ma di identità di squadra. Non me l’aspettavo dopo due mesi. L’identità è forte, non abbiamo preso imbarcate. Siamo sempre stati in partita, abbiamo perso recriminando. Abbiamo fatto 4 vittorie in 6 partite, come nelle ultime 35 partite della Fiorentina. Questo grazie al lavoro di tutti, anche della società, ma sicuramente non abbiamo speso 200 milioni di euro sul mercato“.

SOGNO EUROPA. “E’ presto per le previsioni. Dopo Brescia sembrava che si fosse rotto tutto, mentre anche l’Inter ha sofferto fino all’ultimo. Ora siamo a riparlare d’Europa, fa parte del nostro baraccone. Io devo lavorare, tenere acceso l’entusiasmo. Il nostro percorso è questo, grazie alla società ed ai giocatori che ci mettono l’anima“.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News