Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

D’Aversa: “Occhio all’Udinese, è in gran forma”

Il tecnico del Parma per la prima trasferta dell’anno ripesca Yves Baraye: “Se lo merita, ci ho parlato, è felice. Ciciretti è in uscita”

Vietato parlare di mercato, almeno oggi, alla vigilia di una partita importante come quella contro l’Udinese. “Di mercato parla chi è delegato, c’è un direttore sportivo che sta operando, per me conta solo il campo”. Mercato che gli ha regalato Juraj Kucka: “Viene da un periodo di inattività – dice in conferenza – non partirà sicuramente dall’inizio, parte con noi e andrà sicuramente in panchina. Rigoni? Non sarà convocato, ha rimediato una botta in allenamento. Ma a prescindere da questo, noi vogliamo cominciare bene l’anno, abbiamo staccato la spina e ci siamo riposati dopo la partita con la Roma. Abbiamo ripreso a lavorare con il Ravenna e vogliamo riproporre la stessa cattiveria vista nel girone di andata. Deiola sul mercato? Io valuto solo il campo, quindi ho visto bene lui e finché sarà qui giocherà e lavorerà per il Parma, che è una grande società e ha bisogno di professionisti seri“.

Sorpresa tra i convocati, c’è Baraye: “Devo ancora decidere se andrà in panchina o in tribuna. Lui è felice, ci ho parlato, io pure, se lo merita, è un premio per lui. Ciciretti è in uscita, da persona matura qual è mi ha chiesto di rimanere fuori da questa trasferta”. L’Udinese preoccupa un po’ D’Aversa: “Nicola è un mio amico, ha fatto 9 punti in sette partite, ha dato equilibrio e sta facendo bene. Sotto l’aspetto tattico utilizza un 5-3-2, lo stesso di Crotone, dove ha fatto un miracolo. Solo che ha variato il suo modo di giocare, era bello sì da vedere e anche pragmatico. Adesso ha dato un’impronta all’Udinese, molto pratica, noi affrontiamo una squadra importante che ha dei valori e qualità. L’Udinese ha vinto in casa con la Roma e pareggiato con il Frosinone. Hanno Okaka che è molto bravo a livello fisico e ad attaccare la profondità. Lasagna è temibile, veloce e potente. Se gioca De Paul a centrocampo dà imprevedibilità, squadra molto fisica, noi siamo pronti. E’ importante il fatto di interpretare la partita al 100%, con forza e cattiveria agonistica“.

Scozzarella – continua il D’Aversa- è rientrato dall’infortunio ed è disponibile, davanti ho ampia possibilità di scelta. Di Gaudio, Sprocati stanno dimostrando cose egregie. E’ importante anche la situazione delle palle inattive. Devo ragionare in prospettiva. Abbiamo fatto un girone di andata straordinario, dove siamo andati anche oltre alle aspettative. Con la Roma abbiamo perso, spero che la rabbia di quella partita sia in qualche modo riportata in energia positiva sul campoCalaiò? E’ un giocatore in uscita, senza ombra di dubbio”. Poi si torna a parlare di razzismo, con l’episodio che riguarda il Napoli che ha chiuso l’anno: “La partita di calcio deve essere solo un evento sportivo, ci deve essere l’educazione nelle scuole, non solo negli stadi. Il calcio può essere importante per migliorare questa situazione, ma non dipende tutto da noi. Noi possiamo aiutare, magari dando l’esempio e migliorare, cercando di portare esempi positivi. Però non voglio entrare nel merito della legislazione, ognuno dice la sua”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News