Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Anche il Washington Post celebra il Parma

Il noto quotidiano statunitense esalta la rinascita del club ducale che ha ottenuto tre promozioni consecutive e si trova ora in zona Europa

GESTA OLTREOCEANO. L’eco dell’impresa del Parma Calcio 1913 è arrivato fino negli Stati Uniti, dove il noto quotidiano Washington Post, nella sua edizione online, ha riservato un ampio servizio alla squadra ducale, la prima in Italia ad ottenere tre promozioni consecutive dalla D alla serie A. Qui da neopromossa occupa la sesta piazza dopo le prime tredici giornate che al momento significherebbero l’approdo in Europa. A soli tre anni dal fallimento e dalla ripartenza tra i dilettanti.

I COLPI ESTIVI. L’attuale posizione di classifica è anche merito dei neoacquisti estivi, l’attaccante ex-Roma, Gervinho, autore di cinque reti in nove giornate, e il difensore portoghese Bruno Alves, che hanno contribuito alla serie di risultati inaspettati per un club neopromosso. Capace già agli inizi di settembre di mettere in difficoltà la Juventus, che passò al Tardini solo nella ripresa. Due settimane più tardi l’impresa in casa dell’Inter e ora la striscia d’imbattibilità in atto da tre partite culminate nel successo emiliano sul Sassuolo.

PASSATO GLORIOSO. Fino ad una ventina d’anni da il Parma era una forza del calcio italiano ed europeo potendo vantare in bacheca tre Coppe Italia (1992, ’99 e 2002) e due Coppe Uefa (1995 e ’99) e in rosa giocatori del calibro di Gianluigi Buffon, Lilian Thuram e Fabio Cannavaro. Ma nel 2003-04 il collasso del proprietario e sponsor Parmalat diede il via alla discesa verso il basso che toccò il fondo nel 2015 con un altro fallimento.

BASI SOLIDE. Ora la società è decisamente più stabile sotto il controllo di sette imprenditoriali locali, tra i quali Pietro Pizzarotti, Guido Barilla e Gian Paolo Dallara che si sono affidati a due emergenti: il tecnico Roberto D’Aversa, in sella dal dicembre 2016 e artefice delle ultime due promozioni, e Daniele Faggiano che a quarant’anni è il direttore sportivo più giovane in serie A.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News