Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Il Parma ritrova Grosso, la sua ‘vecchia’ prima scelta

Il tecnico del Frosinone è stato corteggiato per due anni, ma poi le scelte della società sono ricadute su altri profili

Sarebbe dovuto essere dall’altra parte della barricata, Fabio Grosso che sabato si troverà di fronte la squadra che più l’ha corteggiato in questi ultimi due anni. Per la seconda volta l’eroe di Berlino è stato vicino a sedere sulla panchina del Parma. Era già pronto per abbracciare il progetto che l’allora Direttore dell’Area Tecnica Javier Ribalta avrebbe voluto affidargli. Il suo secondo in città ha fatto cose buone e lasciato un buon ricordo, oltre che tanti affetti e affari. Stefano Morrone è socio del Pro Parma, centro sportivo con al suo interno i campi da Padel e appena può torna in città. E come Fabio Grosso sarebbe stato felice di lavorare nel Ducato e di riabbracciare la sua Parma dove ha scelto di vivere quando ha appeso gli scarpini al chiodo. Il figlio dell’ex capitano crociato – Enrico, classe 2003 – fa il centrocampista nel Colorno di un altro ex, Marco Piccioni che con D’Aversa e Faggiano all’epoca dei sette soci scrisse un bel pezzo di storia del calcio. Aveva cullato la possibilità di tornare a sedere su quella panchina occupata per due partite in Lega Pro, dopo l’esonero di Gigi Apolloni e prima dell’approdo di D’Aversa. L’interregno di Morrone (partito dagli Allievi e arrivato in Beretti come allenatore) è caduto dopo due partite.

Ci aveva fatto un pensiero, come pure Grosso che aveva bisogno di ripartire dopo essere rimasto fuori dai playoff con il Frosinone. Sarebbe stato lui il prescelto per guidare la rinascita del Parma dopo l’annus horribilis che lo ha visto chiudere al 12esimo posto, ma alla fine è andata diversamente. La scelta è ricaduta su Pecchia che ha portato la Cremonese in A dopo 26 anni e ha lasciato da vincitore. E tutto è rimasto al suo posto, o quasi. Grosso sabato si troverà a guidare il Frosinone, chiamato a confermarsi dopo la pausa per le nazionali e a portare via punti in uno scontro diretto.
I primi tentativi, seppure informali, di portarlo al Parma risalgono a inizio maggio. L’ex Managing Director Sport ha avuto modo di apprezzarne le qualità di tecnico, oltre che di uomo (i due solo legati da un’amicizia che va oltre il rapporto professionale ndc) sin dai tempi della Juventus Under 23, dove Grosso lavorò come tecnico dal 2014 al 2017 (prima era stato vice di Zanchetta ndc) e già al suo arrivo nell’aprile del 2021 aveva cercato di capire che margini ci fossero per nominarlo successore di Roberto D’Aversa dopo la retrocessione in Serie B. La scelta ricadde su Maresca, esonerato dopo 13 giornate e sostituito da Beppe Iachini.
Nei progetti dell’area tecnica, Grosso sarebbe dovuto essere il quinto allenatore dell’era Krause, incarnava i principi della filosofia crociata: giovane ma con esperienza in categoria (Bari, Verona, Brescia e Sion prima dell’ultimo anno a Frosinone, quando è finito fuori dai playoff), amante di un calcio propositivo, abituato a lavorare con i giovani – pallino di KK -. Ma le cose andarono diversamente: Ribalta si dimise per divergenze con il presidente Krause che intanto ha affidato a Fournier il mandato di curare tutte le aree sportive del club. Ed ecco che Grosso arriva a Parma da avversario, dunque, dopo aver vinto quattro partite su sei e con un bottino più ricco rispetto a quello del Parma. Sono 12 i punti dei ciociari, 3 in più rispetto a quelli dei crociati, ottavi attualmente. Ma l’opportunità di aggancio è ghiotta e Pecchia ha l’occasione giusta dopo la splendida vittoria di Ascoli. Serve invertire una tendenza che ha segnato in maniera negativa il corso a stelle e strisce del Parma. Attualmente la squadra è 11esima in classifica per punti raccolti in casa: solo 4 in 3 partit. E da quando Krause è presidente le gioie al Tardini sono state pochissime. Tra Serie A (2) e Serie B (6 a oggi) dopo 3 stagioni sono 8 le gare interne in cui il Parma è uscito con tre punti. Tocca a Pecchia cambiare i numeri. 
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti