Resta in contatto

News

Il Parma rimedia un punto in extremis ma quanta sofferenza

Lo Spezia, avanti di due reti al Tardini, colpisce tre pali nella ripresa e mette a nudo i limiti dei crociati salvati da un rigore di Kucka al 93′

Orgoglio, carattere e poco altro. Sufficienti a evitare in extremis una sconfitta casalinga che sarebbe stata deleteria in termini di classifica e morale. Il Parma si salva in extremis contro il neopromosso Spezia strappando un insperato pari (2-2) in pieno recupero grazie al rigore trasformato da Kucka. Uno dei pochi bagliori di un pomeriggio vissuto tra mille difficoltà, in cui si sono palesati tutti gli attuali limiti dei crociati apparsi ancora una volta molli, poco convinti e troppo sfilacciati tra i reparti.

UNO-DUE MICIDIALE. Emblematico l’uno-due dei liguri a cavallo della mezz’ora del primo tempo: il colpo di testa di Chabot, già a segno in questo stadio nello scorso luglio con la maglia della Samp, e il tiro da fuori di Agudelo avevano messo a nudo la scarsa tenuta difensiva della squadra giustificabile solo in parte con le tante assenze causa Covid e infortuni.

REAZIONE. Fortunatamente il tap-in sottomisura di Gagliolo consentiva subito di accorciare le distanze e rientrare in partita, da dove, però, il Parma ha rischiato di uscire più volte nel corso della ripresa. Ben tre i pali colpiti dagli ospiti, nell’ordine, da Estevez, Agoume e Verde lasciati liberi di calciare appena fuori dall’area. Anche i crociati recriminano su un paio di occasioni clamorose non concretizzate da Karamoh e su un’incursione di Kucka a lato di un soffio ma devono ringraziare Terzi che in pieno recupero stende Cornelius all’interno dei sedici metri. L’arbitro Marini assegna il penalty realizzato da Kucka che risparmia la figuraccia ai suoi ma non le critiche dopo una prestazione impalpabile.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Sentite però non Dovete scrivere baggianate perché l’anno scorso Daversa aveva la formazione che aveva ieri il signor Liverani manca solo Kulu e Dario Alves e anche lui era sempre in difficoltà … Deve cambiare MODULO !!! Modulo modulo !!! Come glielo spieghiamo !!!! Che la nostra forma atletica non c’è ma soprattutto non va bene il modulo ? .. come si fa ? Serve il 4 5 1… come faceva D’aversa .. quando sarai in firma farai il 4-3-3- e te lo porterai avanti per le prossima stagione !!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Ma in serie A servono punti subito altrimenti non recuperano più

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Liverani vattene.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Non era facile contro la corazzata spezia…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Abbiamo tanti e diversi problemi covid compreso ed appunto per questo forse sarebbe meglio evitare di far giocare tanti giocatori fuori ruolo, se si deve perdere meglio farlo lanciando un giovane che così si fa le ossa.

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News