Resta in contatto

News

Perinetti: “Il Genoa ha fatto la scelta giusta con Faggiano. Vi racconto come l’ho scoperto”

Giorgio Perinetti parla di Daniele Faggiano in una lunga intervista

Il nuovo direttore sportivo del Brescia, Giorgio Perinetti, è stato il “maestro” di Daniele Faggiano, col quale si è trovato a lavorare sin da quando portò al Bari Francesco Caputo, all’epoca centravanti del Noicottaro. Parte da lì la conoscenza tra Perinetti e il nuovo ds del Genoa, proseguita poi a Siena prima che Faggiano approdasse a Trapani e Parma. E proprio Perinetti ha rilasciato una lunga intervista al sito buoncalcioatutti.it.

Veniamo al dunque. Tutte le cronache raccontano di Faggiano “figlio” di Perinetti. Ce lo racconta il nuovo ds del Genoa?

“A volte ci si imbatte nel talento e l’unico merito è di saperlo riconoscere. Non è che sia stato il maestro di Faggiano, ma uno dei primi a capirne le qualità come direttore. Lui ha sensibilità calcistica, ha intuito, ha empatia e capacità di aggregare. Tutte qualità che possono far fare bene ad un direttore sportivo. Io l’ho incontrato, ho intuito le sue qualità mentre parlavamo dell’acquisto di un giocatore che mi aveva segnalato (Caputo): e allora presi il pacchetto, sia Caputo sia il direttore. E credo di avere indovinato. Questo è stato il mio solo merito, perché per il resto sono le qualità di Faggiano che gli hanno permesso di darmi un contributo a Bari e Siena e di fare bene a Trapani e Parma. Penso che potrà fare bene anche nel Genoa. Come l’ho scoperto? Andavo a vedere il giovane Caputo giocare nel Noicattaro, lui era il direttore di questa piccola società vicino a Bari e nel parlargli mi venne spontaneo capire che aveva delle capacità importanti. Capacità che poi ha affinato, anche grazie alla nostra frequentazione. Basti pensare che a Siena avevamo Conte allenatore, direttore sportivo Faggiano, responsabile dell’area tecnica Perinetti e capo degli osservatori Baccin, oggi all’Inter. Era un bel gruppo”.

Conoscendo la sua correttezza, non si può dire ai tifosi: “mi manda Perinetti”. Gli avrà però un po’ raccontato qual è stata la storia del Genoa negli ultimi anni…

“Non ho parlato con Faggiano, tranne per un fugacissimo in bocca al lupo. Credo lui conosca molto bene la situazione e si sia reso conto delle necessità del Genoa. Non ho avuto modo di raccontargli nulla né ho motivo di dovergli raccontare nulla. La fiducia del presidente Preziosi gli consentirà probabilmente di fare dei cambiamenti utili a fare funzionare meglio il mondo Genoa. Credo sia un acquisto importante per il Genoa e faccio i complimenti al presidente. 

Il presidente sembra avere intenzione di tirare un po’ i remi in barca, lasciando la gestione dell’area tecnica a Faggiano. C’è un po’ di spavento, però, perché qua sono passati un sacco di direttori sportivi e il presidente dalle parole non è passato ai fatti. Con Faggiano, considerato che ci mette poco a licenziarsi vista la sua carriera, potrebbe svilupparsi qualcosa di positivo?

“Il presidente Preziosi non credo possa abbandonare il concetto di avere incidenza e influenza come presidente rossoblu, e neppure sarebbe giusto facesse così. Dopo due campionati parecchio controversi, può darsi che dia più deleghe permettendo a chi lavora di compiere il suo lavoro con tranquillità e portare avanti delle idee con più completezza. Se ne avvantaggerà lo stesso presidente Preziosi, che continuerà a seguire il Genoa, ma dando più deleghe affinché Faggiano possa rispondere al meglio alle sue esigenze. Ci sono altre figure importanti nel Genoa, dall’amministratore delegato Zarbano al segretario Abagnara passando per il direttore generale Ricciardella. Faggiano porterà il suo segno nella parte sportiva, il suo modo di fare. Sinora, nelle società in cui ha lavorato, ha dimostrato che questo segno è stato marcato e vincente. Importante lo sia anche nel Genoa. Del resto Faggiano già una cosa l’ha indovinata: lascia un Parma dove è difficile fare meglio e va in un Genoa dove è più facile fare meglio delle ultime stagioni”.

In quel famoso campionato di Serie C 2016/17 l’allievo voleva superare il maestro, ma non ci è riuscito sul campo

“Il Parma di D’Aversa e Faggiano si piazzò al secondo posto, ma in quel campionato riuscii ad arrivare davanti col Venezia di Inzaghi. Un segno di rispetto del giovane Faggiano verso il vecchio Perinetti. Lui poi ha avuto modo di andare avanti. Non ci sono maestri e allievi, ci sono esperienze che si combinano e fondono dando risultati positivi. Sono contento: Faggiano è ormai un uomo “fatto”, è diventato anche papà, e sono felice stia facendo la carriera che avevo pronosticato per lui, che conobbi sui campi di periferia di un piccolo paese in provincia di Bari”.

Se dovesse arrivare, l’accoppiata Italiano-Faggiano sarebbe quella giusta?

Questa sarà una valutazione di Faggiano. So che Italiano lo avevo preso per la Primavera del Venezia, ma poi decise di andare a lavorare in una squadra in Interregionale. Stava transitando anche dalle mie parti, diciamo. Poi è andato al Trapani a lavorare con Rubino, un collaboratore di Faggiano, da lui sponsorizzato. Credo sia l’allenatore ad aver inciso di più in Serie B: lo Spezia ha un’identità precisa, si vede la qualità dell’allenatore. Se il Genoa prenderà Italiano, farà una scelta coraggiosa ma molto ragionata, perché attraverso il gioco dello Spezia si vede la sua mano”. 

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

… Grazie per quel che hai fatto ma ora è un “nemico” calcistico per cui ora bisogna trovare un suo sostituto…

Piter
Piter
1 mese fa

Ma secondo lei preziosi gli lasciera’ tutto lo spazio che avra’ bisogno? Mmmm

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Un detto dice…. Morto un papa’, se ne farà un alto.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Sinceramente non capisco perché continuare a parlare di Faggiano e del Genoa … e altrettanto sinceramente nn me ne può fregare di meno di chi l’ha scoperto etc etc…ha fatto un ottimo lavoro al Parma e ha avuto lo stipendio giusto? Ora è in un altra società addirittura concorrente quindi basta parlare di lui secondo me…non ha più senso

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da News