Resta in contatto

News

Parma, cosa trovi nell’uovo di Pasqua?

Nel primo match del turno pre pasquale i crociati affrontano alle 12,30 al Tardini il Milan per dare continuità ai due pareggi con Torino e Sassuolo

Il Parma punta a un’impresa in grado di dare una luce diversa al cammino dell’ultimo periodo e garantire uno “strappo” determinante verso la salvezza. Inaugura così la propria analisi pre partita la Gazzetta di Parma che, in vista del lunch match odierno al Tardini alla vigilia di Pasqua, sottolinea il valore del Milan, quarto in classifica con in attacco quel Piatek che all’andata tra le fila del Genoa fece ammattire la retroguardia crociata.

SOLIDITA’ RITROVATA. Il Parma, però, contro Torino e Sassuolo ha fornito incoraggianti segnali di risveglio proprio in fase difensiva tanto che due gare di fila senza subìre gol rappresentano una novità assoluta nella seconda parte di stagione. Davanti senza Inglese e Gervinho, atteso al rientro a tempo pieno, era difficile pretendere molto di più anche se l’apporto dei centrocampisti, se si esclude il rigore guadagnato da Barillà al Mapei Stadium, è stato abbastanza limitato.

RIMPIANTI A SAN SIRO. All’andata il Parma giocò una gara attenta e ben organizzata passando in vantaggio e pagando alla distanza due fattori concomitanti: un po’ di “braccino” e le decisioni avverse del Var che punì l’intervento di braccio di Bastoni in area e non segnalò il fuorigioco di Calhanoglu in occasione del momentaneo pari di Cutrone.

ATTEGGIAMENTO. Probabile che la scelta ricada sui tre difensori centrali che dovranno arginare i tagli di Suso e Borini e gli inserimenti di Kessié e Calhangoglu ma, al di là del modulo, conterà, soprattutto, l’atteggiamento.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News