Resta in contatto

News

D’Aversa: “C’è rammarico, ma con 25 punti…”

Il tecnico a fine gara: “C’è rammarico per il gol su azione d’angolo, sapevamo che potevamo soffrire la loro fisicità. E’ mancata la reazione”

Roberto D’Aversa analizza così la partita che il Parma ha perso per 2-0 contro la Roma. Abbiamo fatto un buon primo tempo, anche all’inizio della ripresa, dove la squadra ha interpretato bene la gara contro un avversario di valore; poi quando hai una clamorosa occasione per andare in vantaggio e non la sfrutti diventa difficile cercare di portare a casa il risultato. Il rammarico è di avere subìto gol su situazione da calcio piazzato, dove sapevamo delle potenziali difficoltà visti i loro centimetri. Dopo il loro gol non c’è stata reazione, anzi ci siamo allungati e la partita è finita lì. Quando tieni la gara in equilibrio per un’ora e poi prendi gol su situazione da calcio d’angolo c’è rammarico, abbiamo subìto una rete dopo che per 60 minuti una squadra dalle potenzialità come la Roma non aveva creato altre palle gol clamorose”.

SOLO UN CENTRAVANTI “Siamo andati sotto contro una squadra che ha giocatori di gamba come gli esterni e riportare a casa il risultato non era facile, considerando che in panchina avevamo un solo centravanti a disposizionecome Ceravolo. C’è stata un’occasione clamorosa che non siamo stati bravi a sfruttare, ma credo ci siano state altre possibilità per creare situazioni, ma siamo stati sporchi tecnicamente a livello di passaggi in verticale”.

ASSENTI – “Inutile parlare degli assenti. Stulac ha delle caratteristiche diverse rispetto a Scozzarella, è molto più bravo in fase difensiva e credo che abbia fatto un ottimo lavoro. Una situazione per passare in vantaggio ce l’abbiamo avuta, dobbiamo essere bravi a portare dalla nostra parte gli episodi, sono due gare consecutive in casa che abbiamo la possibilità di andare in vantaggio e non ci riusciamo, dobbiamo lavorare su quello, sull’aspetto tecnico, non pensare agli assenti. Se c’è stato un appagamento? No, per 60 minuti la partita è stata interpretata con la giusta determinazione, abbiamo preso gol ma di fronte avevamo una squadra come la Roma e va sempre considerato il valore degli avversari: non basta il pensiero di dover ribaltare la partita, ci vuole la qualità, la struttura, la forza mentale; a livello di personalità qualcosa ci è mancato ma di fronte avevamo una squadra forte che può avere delle difficoltà se mantieni le giuste distanze e la gara in equilibrio, ma che se passa in vantaggio ha più spazi da sfruttare e diventa devastante”.

NON SIAMO APPAGATI – “C’è dispiacere per non aver concluso quest’anno con un risultato positivo davanti al nostro pubblico, ma per quanto riguarda questo 2018 i ragazzi hanno fatto qualcosa di straordinario, ora non dobbiamo sentirci appagati, i ragazzi devono staccare per poi tornare carichi: la Serie A nasconde delle insidie, dobbiamo tornare consapevoli del fatto che per centrare il nostro obiettivo ci sarà da sudare e lavorare”.

IL NOSTRO CALCIO E’ BELLISSIMO –“Mancando un centravanti di ruolo, la gara di oggi l’abbiamo dovuta interpretare considerando l’avversario ma anche chi avevo a disposizione. I miei ragazzi cercano di interpretare le gare e portare a casa dei risultati. E si deve pensare che a una settimana dall’inizio del campionato non sapevamo nemmeno quale campionato avremmo affrontato. Con tutte le difficoltà, oggi abbiamo 25 punti: il nostro calcio è bellissimo”. 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News